Associazione Nazionale Carabinieri: “A Traversetolo un impegno positivo per i giovani” | INTERVISTA

L’Associazione Nazionale Carabinieri è presente a Traversetolo dal 1988 ed è attiva sul territorio con eventi e attività; nelle scorse settimane i festeggiamenti del trentennale

TRAVERSETOLO | I trent’anni dell’Associazione Nazionale Carabinieri di Traversetolo sono stati degnamente festeggiati il 4 e il 5 maggio scorsi: una ricorrenza che i soci dell’Associazione hanno organizzato con passione ed impegno e che li ha tenuti occupati per diversi mesi affinché tutto riuscisse al meglio.

I festeggiamenti – ha spiegato il presidente dell’ANC Traversetolo Gianni Viviosono iniziati la sera del 4 maggio con la S.Messa celebrata dal cappellano militare di Bologna, Don Giuseppe Grigolon e poi sono proseguiti con il concerto della Fanfara del III Reggimento Carabinieri “Lombardia” che ha ottenuto il patrocinio del Comune di Traversetolo e al quale hanno presenziato numerose e prestigiose autorità civili e militari, tra le quali il comandante provinciale dei Carabinieri, Colonnello Salvatore Altavilla”.

L’Associazione dei Carabinieri, a livello nazionale, affonda le sue radici nel lontano ‘800 quando si costituì a Milano la Società di Mutuo Soccorso ad opera dei congedati e dei pensionati dei Carabinieri Reali. Dopo la nascita del sodalizio milanese si assiste a un fiorire di associazioni di carabinieri anche in altre città italiane. Nel 1926, in seguito al forte bisogno di unificazione nasce la Federazione Nazionale del Carabiniere Reale, poi trasformata nella metà degli anni ’50 in Associazione Nazionale Carabinieri. “Lo scopo – prosegue Vivio – è di tenere vivi tra i soci i sentimenti di devozione alla Patria e di promuovere attività di carattere diverso, sia in collaborazione con le Istituzioni, sia in ambito sociale e culturale”. 

La sezione di Traversetolo, molto attiva sul territorio

La sezione di Traversetolo è nata nel 1988 per volontà di alcuni militari staccatisi dalla sezione di Parma. Primo presidente è stato il Brigadiere Michele Zoni coadiuvato dal Maresciallo Tommaso Zangheri nel ruolo di vice presidente. Oggi a guidare l’Associazione traversetolese è il Carabiniere Ausiliario in congedo Gianni Vivio che, nel corso delle celebrazioni, ha ricordato alcuni dei primi soci della sezione: il Maresciallo Stocchi, il Maresciallo Di Nardo, il Maresciallo Nisco, Maurizio Prada, Stefano Prada, Paolo Pierinerli, Enrico Vitali, Paolo Righelli, Secondo Fagioli. Una sezione, quella di Traversetolo, molto attiva sul territorio e che si distingue per l’impegno profuso per le giovani generazioni, a cui si vogliono dare esempi di vita positivi: “L’ANC – spiega il presidente – non è solo la celebrazione della Virgo Fidelis o la cena degli auguri di Natale; la nostra sezione, infatti, è stata tra le prime ad organizzare un servizio di osservazione e segnalazione in occasione del mercato domenicale e di numerosi eventi locali, in accordo con l’Amministrazione Comunale del tempo”. 

L’impegno per i giovani

Nel corso delle celebrazioni del trentennale il sindaco di Traversetolo, Simone Dall’Orto, in vece dell’Ispettore Regionale dell’ANC Claudio Rosignoli, ha premiato l’Associazione per l’attività di prevenzione contro l’uso di droghe. In quest’ottica particolare significato ricopre l’incontro organizzato con papà Gianpietro dell’associazione Pesciolino Rosso, che ha suscitato molte emozioni. “Negli ultimi mesi – ha continuato Vivio – abbiamo lavorato a pieno regime per le celebrazioni del trentennale, ma l’intenzione è quella di organizzare a breve altri eventi aperti alla cittadinanza, sempre nella medesima ottica”. 

Attualmente la sezione di Traversetolo dell’Associazione Nazionale Carabinieri conta una settantina di iscritti diversi dei quali regolarmente partecipano ai raduni nazionali. “Nonostante – prosegue il presidente – non ci sia più la leva obbligatoria, negli ultimi anni abbiamo aumentato costantemente il numero degli iscritti”. Gli associati sono accumunati dall’affetto verso l’Associazione e verso l’Arma dei Carabinieri: “Un affetto – continua Vivio – che la gente continua a provare, considerando che oggi i Carabinieri sono una delle Istituzioni di cui le persone hanno più fiducia, con un indice di popolarità superiore al 70%”. Il presidente dell’ANC di Traversetolo conclude ricordando che i Carabinieri tutti i giorni salvaguardano la sicurezza dei cittadini, mettendo in pericolo la loro stessa vita “mossi non da ragioni di carattere economico, ma dalla passione per il proprio lavoro e dal fatto di sapere di sapere di essere dalla parte del giusto”. Ecco perchè la sezione di Traversetolo continuerà a lavorare con lo stesso spirito e lo stesso entusiasmo messi nell’organizzazione del trentennale della sezione “mantenendo vivi i valori e i principi fondanti dell’Arma dei Carabinieri”. 

© riproduzione riservata