Bocca d’Enza, nuova idea cicloturistica: “Ripristinare un ponte di barche”

L’idea dei sindaci di Sorbolo e Mezzani: “Collegare Parma al Lago di Garda con una rete di piste cicliabili in un contesto naturalistico fluviale”

SORBOLO MEZZANI | In primavera sarà costituito un nuovo Comune nella Bassa parmense, in seguito alla fusione amministrativa approvata dai cittadini di Sorbolo e Mezzani con il referendum dello scorso 8 ottobre. I due sindaci alla guida dei rispettivi comuni, prima di terminare il loro mandato (31 dicembre), stanno portando avanti le ultime iniziative previste nei loro programmi amministrativi.

Tuttavia, potrebbe esserci un’ultima sorpresa prima della fine del mandato: lo studio di un progetto per la realizzazione di un ponte ciclopedonale che possa collegare Mezzani con la sponda reggiana dell’Enza. Tra Bocca d’Enza e località Ghiarole.

L’idea nasce da una progettualità legata alla ciclabile della Food Valley – ci spiega in esclusiva il sindaco di Sorbolo, Nicola Cesari. Insieme al Sindaco di Mezzani, ci siamo prefissati l’obiettivo di valorrizare il territorio nel modo giusto. L’idea di collegare Bocca d’Enza con la sponda reggiana del torrente va proprio in questa direzione. Al momento, ci affascina la realizzazione di un ponte di barche, ma potrebbe anche essere un ponte a campata unica“. Proprio su quella sponda, era presente un ponte di barche privato. Il “Ponte di Maghenzani” (antica famiglia del territorio), per il cui passaggio si pagavano 20 lire.

Ripristinare un ponte simile, dunque, è l’idea dei due Sindaci: “Sarebbe un modo per ridare lustro e immagine al nostro territorio – prosegue Cesari – rievocando la storia che lo ha reso famoso. Vorremo rendere Mezzani un grande parco naturale e questo progetto completerebbe un quadro unico. Insieme all’Acquario del Po, con il cantiere in fase di ultimazione, e la Parma Morta, avere una ciclabile che possa collegare da una parte Busseto e dall’altra il territorio reggiano, sarebbe la ciliegina sulla torta“.

“Un progetto da completare entro Parma 2020”

La realizzazione del ponte, tra progetto e firma di tutte le pratiche burocratiche, ovviamente non avverrebbe entro la fine del mandato di Cesari e Azzali (Sindaco di Mezzani). Come ci spiega il primo cittadino sorboloese, “si potrebbe arrivare ad uno studio di fattibilità o ad un’idea di massima entro la fine dell’anno“. Insomma, si getterebbero le basi per un progetto che il futuro sindaco del Comune di Sorbolo-Mezzani si troverebbe in cantiere, per poi portarlo a compimento.

Realizzarlo entro Parma 2020 sarebbe fondamentale – conclude Cesari – perché permetterebbe a tutti gli operatori e agli amanti del cicloturismo di sviluppare nuove strategie di crescita e di investimento nel nostro territorio, poiché sarà possibile raggiungere il Lago di Garda, partendo dalla stazione di Parma, attraverso una rete di ciclabili di fatto già esistente lungo scenari naturalistici e fluviali“.

© riproduzione riservata