Borghi del Parmense: storia e segreti | COMPIANO

Borghi del Parmense: storia e segreti | COMPIANO

Ca' Bianca

Il borgo di Compiano si staglia sulla Val Taro come una fiabesca balconata medioevale; oggi il Castello è attrazione turistica e culturale di grande pregio

COMPIANO | Inizia oggi una nuova rubrica settimanale all’interno del più ampio appuntamento culturale che abbiamo definito “Officina Parmigiana“, a ricordare e celebrare nello stesso tempo la schiera di intellettuali che negli anni ’50 e ’60 aveva costituito uno dei più vivaci movimenti poetici del secolo scorso. Dopo aver raccontato e mostrato con report fotografici la maggior parte delle pievi del Parmense, riprenderemo il cammino narrando la vita, la storia e i segreti dei borghi della provincia di Parma, partendo da Compiano e dal suo castello. Ogni venerdì su ilParmense.net troverete un borgo nuovo da scoprire.

Che cos’è Compiano se non una fiabesca balconata medievale posta sopra uno sperone che si getta sui campi arati della Val Taro? Camminare sul selciato di Compiano significa respirare almeno mille anni di storia. Di questo borgo fortificato abbiamo notizie a partire dal nuovo millennio, intorno al secolo XI, sebbene alcuni studi sono concordi nel retrodatare all’età di Carlo Magno. Saranno i Landi a fare la storia di Compiano, anche se prima dei Landi Compiano è proprietà dei Malaspina e del Comune di Piacenza.

Borghi del Parmense: storia e segreti | COMPIANO

La famiglia Landi – ingiustamente poco ricordata dai libri di scuola – è stata protagonista della più longeva signoria sul suolo italiano. Ha dominato per più di quattro secoli continuativi e ha reso Compiano ricco e autonomo, con scuole pubbliche, un monte di pietà e una zecca per la moneta locale: si produceva a Case Bertoli, a nord del castello. Solo alla fine del secolo XVII appaiono sulla scena i Farnese e, dal 1751 al 1800 i Borbone, che trasformeranno il castello in prigione di Stato durante il primo Risorgimento. Caduto in declino, l’edificio troverà nuova gloria quando sarà acquisito dalla Marchesa Lina Raimondi Gambarotta, alla cui morte, nel 1987, il Comune di Compiano lo riceve in eredità.

Le piazze, i belvederi e alcune leggende

Ed eccoci giunti ai giorni nostri, con una rinascita del borgo, meta turistica per palati turistici fini e sposi che vogliono coronare la loro unione in una cornice da sogno. Le tre piazze – della Cisterna, delle Monache e del Compianino – permettono al visitatore di godere di belvederi che proiettano lo sguardo sulla fondovalle e, più oltre, sul Centocroci e sul Monte Penna.

Borghi del Parmense: storia e segreti | COMPIANO

Si accede al castello passando sotto il rivellino, separato dalla fortezza da un fossato che un tempo si oltrepassava attraverso l’antico ponte levatoio. Il maniero, su pianta trapezoidale, risale al ‘200, mentre le caratteristiche torri rotonde laterali sono di epoca tardo medievale. Al suo interno troviamo anche il Museo Massonico Internazionale, con reperti e cimeli donati da Flaminio Musa che ci raccontano della massoneria inglese e italiana fra Settecento e Ottocento. Ma le curiosità non sono finite.

Nel borgo si possono incontrare l’ex chiesa di San Rocco, che fino a pochi anni fa ospitava una chicca museale quale il Museo degli Orsanti (ora a Vigoleno), e la Chiesa di San Giovanni Battista, che custodisce una preziosa pineta e un manto prodotti dalle Monache Agostiniane, per le quali i Landi costruirono intorno al 1600 la cappella e il convento, oltre a un crocefisso che la leggenda vuole abbia sanato un giovane infermo.

© riproduzione riservata

Borghi del Parmense: storia e segreti | COMPIANO

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

HTML Snippets Powered By : XYZScripts.com
Privacy Policy