Protagoniste scuole prima e secondarie di Parma, Bedonia, Mezzani, San Secondo e Lesignano; il progetto proposto da Federconsumatori

Consumo critico e sostenibilità: il progetto nelle scuole

Protagoniste scuole prima e secondarie di Parma, Bedonia, Mezzani, San Secondo e Lesignano; il progetto proposto da Federconsumatori

Parte a fine marzo nelle scuole parmensi il progetto “Filiere corte e sostenibilità ambientale“, promosso da Federconsumatori nell’ambito di campagne di comunicazione e sensibilizzazione proposte ogni anno. Il progetto, finanziato dal Programma generale di intervento della Regione Emilia Romagna con l’utilizzo dei fondi del Ministero dello sviluppo economico e curato nella progettazione e nell’operatività da cooperativa Atlantide, coinvolgerà scuole primarie e secondarie di I e II grado della provincia di Parma nei comuni di Parma, Bedonia, Mezzani, San Secondo e Lesignano de’ Bagni. Sono previsti 28 incontri formativi.

Obiettivo primario del progetto è sensibilizzare alunne e alunni sui temi del consumo critico e responsabile, della sostenibilità ambientale e dell’utilizzo consapevole delle risorse. Nello specifico le classi possono scegliere tra tre percorsi tematiciconsumo critico e consapevole, con particolare attenzione alle filiere di prodotto, alimentari e non; uso corretto e responsabile delle nuove tecnologie, novità di quest’anno, riferito in particolare all’utilizzo di computer, cellulari e tablet da parte delle ragazze e dei ragazzi, evidenziandone i vantaggi ma anche i possibili pericoli e insidie, per innescare una riflessione sull’uso delle nuove tecnologie ed educare i giovani a un uso consapevole; rispetto dell’ambiente e delle risorse naturali, con particolare attenzione alla risorsa acqua, una delle più importanti per la vita.

I percorsi sono organizzati in modo da bilanciare momenti di teoria a momenti di attività pratica e di sperimentazione diretta, con interattività, brainstorming, attività pratiche e laboratoriali, simulazioni e giochi come principali modalità applicate, in grado di stimolare curiosità e interesse e permettere forme di apprendimento attivo.

© riproduzione riservata

Caccia allo spreco! Ecco come aziende e cittadini possono ripartire

Privacy Policy