“Coltivare. Un’idea di futuro”: a Colorno il concorso letterario

Ancora pochi giorni per inviare i propri racconti sul tema “Coltivare. Un’idea di futuro”; la premiazione a giugno nella suggestiva cornice della Reggia di Colorno

COLORNO | Il Festival della Lentezza in programma a Colorno il prossimo giugno ha lanciato un premio letterario per opere inedite, dedicato al tema “Coltivare. Un’idea di futuro”. Gli autori interessati dovranno inviare i loro racconti all’indirizzo festivalentezza@gmail.com entro il 31 gennaio 2018. I racconti selezionati verranno premiati nel corso del Festival il giorno 16 giugno 2018, nella suggestiva cornice della Reggia Ducale di Colorno.

Voi lo sapete, l’unica ispirazione che ho avuto finora è la lentezza”, scrive Peter Handke in Pomeriggio di uno scrittore. L’arte della scrittura, in effetti, è un po’ così, consacrata da sempre alla lentezza della riflessione, della lettura, dell’ispirazione. Lentezza richiede l’esplorazione del mondo, la raccolta dell’idee, la raffinata operazione con cui si organizzano pensieri e immagini per dare loro una forma e una successione sulla pagina bianca. Ed proprio per confermare questa intrinseca affinità tra scrittura e lentezza che gli organizzatori del festival hanno immaginato questo concorso.

La scadenza per l’invio dei racconti è fissata al 31 gennaio

Tutti i finalisti saranno invitati a partecipare alla cerimonia finale, durante la quale la giuria decreterà il vincitore. Il vincitore verrà premiato con un’opera unica di un artigiano locale; i migliori racconti, inoltre, saranno pubblicati in una raccolta, in formato cartaceo o digitale. Il concorso, organizzato nell’ambito della rassegna del Festival della Lentezza dall’Associazione Comuni Virtuosi e dal Comune di Colorno è aperto a tutti; la partecipazione è gratuita.

Il tema del contest letterario è “Coltivare. Un’idea di futuro”. I partecipanti potranno presentare un solo elaborato inedito (vale come edito qualsiasi pubblicazione in volume cartaceo, singolo o antologico e su rivista, cartacea e on line) di propria produzione, scritto in lingua italiana e di lunghezza pari o inferiore a 15.000 battute (spazi e punteggiatura inclusi). Le opere non dovranno essere già state segnalate o premiate in altri concorsi. Il racconto dovrà pervenire in formato testo (.txt, .rtf, .doc). Il nome del file dovrà coincidere con il titolo dell’opera, il quale dovrà essere riportato anche nella mail di iscrizione in cui l’autore fornirà generalità e contatti.

© riproduzione riservata

Ca' Bianca