Forza Italia Fidenza attacca sul Bilancio Comunale: ''Si scontra con la realtà''

Forza Italia Fidenza attacca sul Bilancio Comunale: ”Si scontra con la realtà”

Forza Italia torna a commentare il Bilancio Comunale di Fidenza con una nota molto polemica; “Gli investimenti di cui parla sono gli stessi del 2016

Il bilancio del Comune di Fidenza si scontra con la realtà, questa la chiave di lettura offerta da Forza Italia. A loro avviso “tutto quello che ci racconta il sindaco non trova nessun riscontro nei fatti. “I 66 milioni di investimenti di cui parla sono gli stessi del 2016. Presentati in pompa magna a dicembre 2015, col passare delle settimane sono stati cancellati o spostati agli anni successivi. E così ce li ritroviamo tutti per il 2017“.

Il bilancio per il prossimo anno sarebbe quindi una “riedizione” dell’anno precedente. “Che questo bilancio sia il ribaltamento del bilancio 2016 lo ho detto il sindaco stesso in Consiglio comunale. Vediamo cosa si farà ma, date le premesse, non siamo per niente ottimisti. Un bilancio non realistico anche perché sono stati previsti 6 milioni di entrate da alienazioni sia nel 2017, sia nel 2018. In un periodo difficile come questo verranno fatte soltanto in minima parte, come succede da anni. Sembra che il sindaco sia rimasto ancora in campagna elettorale, visto che continua a promettere di tutto e di più, salvo non prevedere nessun aiuto reale per le famiglie o per i giovani.

Uno scontro che prosegue dalla campagna elettorale

La discussione non è nuova, anzi fonda le proprie radici nella campagna elettorale. “Proprio come in campagna elettorale parla attraverso slogan e mezze verità. Dicendo di non aver aumentato tasse e tariffe, ma senza dire che sono già al massimo da due anni. Infine, dopo alcuni anni (quelli della precedente amministrazione) in cui era calato, il debito del Comune di Fidenza torna ad aumentare ed anche in maniera consistente. Questo si chiama prendere in giro la città. Non si vede una strategia per lo sviluppo della città che vada oltre la propaganda. Siamo tornati al ‘modello Torri’, che già tanti danni ha fatto a Fidenza”.

Francesca Gambarini ha poi commentato la nuova composizione nel Consiglio Provinciale neo-eletto. “Il Pd non ha più la maggioranza in Consiglio provinciale. Su 12 consiglieri eletti soltanto 5 sono in quota Pd. Questo vuol dire che il Pd non potrà più usare questo organo come un luogo dove approvare cose utili prima al partito e poi alla Provincia di Parma. Lo strano meccanismo messo a punto dal governo Renzi per togliere il diritto di voto ai cittadini stavolta non ha premiato il Pd. Magari, data la nuova composizione del Consiglio provinciale, è la volta buona per iniziare a pensare più al territorio e meno al partito”.

© riproduzione riservata

Il Comune sul bilancio: “Fidenza sarà l’anno per scuole e grandi opere”