Noceto riscopre la tradizione: al via la Fiera di San Martino con il ministro Centinaio ospite

Domenica la tradizionale Fiera di San Martino, con la presenza del ministro Gian Marco Centinaio: Noceto festeggia il Patrono con un evento dedicato alle tradizioni e al mondo agricolo

NOCETO | Torna il tradizionale appuntamento con la Fiera di San Martino a Noceto, la festa patronale legata alle tradizioni agricole del territorio che nasce dalla collaborazione tra l’Amministrazione Comunale, Coldiretti Parma e il Consorzio Agrario. “Mantenere le tradizioni – spiegano gli organizzatori – un obiettivo importante, perchè significa  salvaguardarne identità e radici”. Alle 15.00 arriverà anche il ministro Centinaio. 

Noceto in festa domenica 11 novembre per la Fiera di San Martino, uno degli appuntamenti più sentiti del paese, contraddistinto dalla grande sinergia fra le realtà locali quali associazioni di volontariato, di promozione del territorio, operatori commerciali, amministrazione, Parrocchia e associazioni del mondo agricolo. Quest’anno, inoltre, sarà presente il ministro delle Politiche AgricoleGian Marco Centinaio

Nei giorni in cui Noceto celebra il Patrono si concentrano alcuni eventi particolari, oltre alla fiera tradizionale di domenica 11 novembre è prevista anche la consegna del Premio San Martino che avrà luogo nella serata del 12 novembre presso il teatro Moruzzi. L’organizzazione della fiera nasce dalla collaborazione fra l’Amministrazione Comunale di Noceto con le realtà associative più importanti che operano nel settore del mondo agricolo, il Consorzio AgrarioColdiretti Parma, l’Associazione Regionale Allevatori Emilia Romagna, Campagna Amica, con il sostegno della società Emilcap, quello dell’Emilia e delle Terrepadane, del Consorzio del Parmigiano Reggiano e del Consorzio Bonifica Bassa Parmense. Ad anticipare la festa della domenica debutta quest’anno un’iniziativa che avrà luogo nella serata di sabato 10 novembre, una grigliata organizzata nel centro storico a cura degli agricoltori locali accompagnata da balli country. 

Anche quest’anno – afferma il sindaco Fabio Fecci – ci prepariamo ad un evento importante. La fiera patronale sancisce la spiccata vocazione agricola del nostro territorio e vuole essere sia un momento per rinsaldare le nostre tradizioni sia per valorizzarle aprendole ad una prospettiva presente e futura. Invitiamo tutti, cittadini, famiglie, alunni delle nostre scuole a partecipare alla fiera, per avvicinarsi alla riscoperta della cultura contadina e delle aziende agricole“. L’obiettivo della fiera, valorizzare le tradizioni e le eccellenze locali, è ben sottolineato dalla vicesindaco Daisy Bizzi: “La promozione dei prodotti tipici locali è per noi una priorità, la presenza di laboratori ove sono proposte diverse attività sono certa offrirà momenti per scoprire e riscoprire antiche pratiche artigiane“. 

Il programma della giornata 

Dalle 9.00 il centro storico nocetano si trasformerà in una grande fattoria che ospiterà l’esposizione dei migliori capi di bestiame con riferimento alle razze bovine provenienti dal comprensorio del Parmigiano Reggiano e quella degli animali di bassa corte, pulcini oche e galline. Particolarmente suggestiva anche l’esposizione degli attrezzi agricoli che si usavano un tempo nelle nostre campagne, a partire dai primi del ‘900,  strumenti di un lavoro duro scandito rigorosamente dall’alternarsi delle stagioni. Prevista anche la presenza dell’agrimercato di Campagna Amica, dove i produttori proporranno le eccellenze chilometro zero.

Non mancheranno i laboratori dell’arte del norcino, della lavorazione del tartufo e del miele. Svariate ed interessanti sono anche le altre iniziative collaterali organizzate: la mostra degli Hobby, proposta dagli artigiani dell’estro e del folklore e la pesca di beneficenza della Parrocchia, che come sempre costituirà una sicura attrattiva per grandi e piccoli, che alla fine della giornata potranno inoltre gustare dolcetticaldarroste e  rinfrancarsi con il vin brulè, iniziativa curata dalla locale Proloco.

Gli gnocchi di patate, piatto tipico della tradizione della fiera patronale, sarà il piatto protagonista della festa, nel parco del Castello della Musica previste degustazioni e dimostrazioni pratiche con le “rezdore” che saranno all’opera nella preparazione. Nel pomeriggio previste passeggiate a cavallo e possibilità per i bambini di allattare i vitellini. Collateralmente alla fiera è stata organizzata anche l’esposizione degli elaborati grafici frutto di un concorso di idee proposte ai ragazzi dell’Istituto Comprensivo di Noceto, invitati a rappresentare le atmosfere delle nostre campagne. 

Il premio San Martino

Nella serata di lunedì 12 novembre è prevista la consegna del Premio San Martino, destinato ai nocetani che con il loro impegno hanno caratterizzato la storia del Paese. La premiazione si svolgerà alle 20.45 al Teatro Moruzzi: il riconoscimento viene assegnato ogni anno a quanti si sono distinti per doti umane, artistiche, imprenditoriali,  per impegno sociale, civile ed intellettuali.

Il premio nacque nel 1998 e sorse inizialmente come riconoscimento ove si potesse concentrare una “nocetanità “ identificativa dello spirito del nostro paese. Successivamente passò nelle mani di due personaggi illustri di fama nazionale – l’ex Presidente Sandro Pertini e la ricercatrice Rita Levi Montalcini – per poi tornare nel 1992 ad assumere una connotazione decisamente più locale.

© riproduzione riservata

The following two tabs change content below.