“L’ora legale fa male alla salute”; il Parlamento Ue vuole abolirla

Dopo la Russia anche l’Europa potrebbe abolire l’ora legale; la proposta arriva dalla Finlandia: “Dannosa per la salute” 

DAL MONDO | Si vota oggi al Parlamento dell’Unione Europea una risoluzione per abolire l’ora legale. La proposta arriva dopo un’attenta analisi che ha stabilito che il cambio d’ora può provocare danni alla salute dei cittadini, in particolare malessere, stanchezza o irritabilità.

Il testo è stato presentato dai parlamentari dell’Europa del Nord e dell’Est Europa e si pone come obiettivo l’abolizione del cambio d’orario e il mantenimento solo dell’ora solare. L’ora legale era stata introdotta nel 1784 da Benjamin Franklin in America, come soluzione per risparmiare energia elettrica: solo nel 1916 a Londra venne approvata l’istituzione dell’ora legale come mezzo per far fronte ai costi della Prima Guerra Mondiale. Dopo l’Inghilterra anche gli altri Paesi europei hanno scelto di adeguarsi al cambio dell’ora biannuale per ridurre l’impatto dell’energia elettrica

Gli effetti del cambio dell’ora

Secondo uno studio finlandese il cambio dell’ora provocherebbe una maggior propensione all’inattività che agisce anche sull’economia e sull’industria. La CNN cita anche altri due studi, uno sempre finlandese e uno americano, che riportano dati allarmanti sullo stato fisico delle persone due giorni dopo del cambio dell’ora. Da notare l’aumento dell’8% dei casi di ictus e un aumento del 10% per gli attacchi di cuore. In Russia l’ora legale è già stata cancellata, mentre in America – come in Europa – si sta iniziando la procedura per il mantenimento della sola ora solare. 

© riproduzione riservata

Ca' Bianca