Giornata mondiale dell’epilessia: all’Ospedale di Vaio l’incontro su come affrontare le crisi

Giornata mondiale dell’epilessia: ambulatorio aperto all’Ospedale di Vaio; un appuntamento per imparare qualcosa in più sulla malattia e su come affrontare le crisi

FIDENZA | Oggi, in occasione della Giornata mondiale dell’epilessia, l’Ospedale di Vaio apre il prprio ambulatorio ai visitatori per informazioni su questa malattia e su come gestire le crisi. Il titolo dell’iniziativa è “Non aver paura della crisi sapendo cosa fare”. 

Malattia sociale“: ecco com’è definita l’epilessia dall’Organizzazione Mondiale della Sanità. Oltre 50 milioni di malati al mondo, 5-600mila persone ne sono affette in Italia di cui 22 mila in Emilia-Romagna con una crescita di circa 2000 casi all’anno. Purtroppo ancora oggi la diffidenza e l’ignoranza di questa patologia minano la qualità della vita di chi ne soffre in ogni ambiente pubblico e nel quale ci sia bisogno di relazioni umane.  Il 12 febbraio è stata indetta la Giornata mondiale dell’epilessia, con l’obbiettivo di sensibilizzare ed informare la popolazione del globo intero sull’argomento: il tema di quest’anno “Non aver paura della crisi sapendo cosa fare”. Anche l’Ospedale di Vaio vuole dare il suo contributo aprendo il proprio ambulatorio al pubblico.

“Il 12 febbraio dalle 9 alle 12 e dalle 14 alle 16, l’ambulatorio dedicato, al primo piano corpo B di via don Tincati 5 a Vaio, apre ai cittadini – afferma Claudia Giorgi, direttore U.O. Elettroencefalografia ed Epilessia dell’Ospedale di Vaio –  per imparare qualcosa in più su questa malattia, per saperla riconoscere e gestire. Proteggere la testa da eventuali cadute, non aprire la bocca, non tirare fuori la lingua, evitare troppe domande e attendere che la crisi epilettica finisca sono alcune delle principali raccomandazioni da seguire“. L’ambulatorio dell’AUSL ha in cura 1800 persone adulte ed effettua circa 600 visite l’anno. E’ aperto il martedì e il giovedì, e accoglie anche eventuali situazioni cliniche urgenti e visite post-ricovero. All’ambulatorio di epilessia si accede con richiesta del medico di famiglia e la prenotazione agli sportelli CUP

©riproduzione riservata

Ca' Bianca