Da Pagazzano al grande cinema di Hollywood: Diego Delpiano e l’arte d’attore | INTERVISTA

La storia di Diego, tra grande talento e impegno instancabile; raccontiamo arte e mestiere del piccolo grande attore parmigiano in giro per il mondo

@AlessiaBianchi

BERCETO-HOLLYWOOD | Siamo a Pagazzano di Berceto, piccola frazione dell’Appennino Tosco-Emiliano: qui incontriamo Diego Delpiano, giovane e promettente attore hollywoodiano che, nonostante i lunghi viaggi a cui è ormai abituato, non dimentica le sue origine tipicamente parmigiane.

Da Pagazzano al grande cinema di Hollywood: Diego Delpiano e l’arte d’attore | INTERVISTAAd appena quattro anni Diego si trasferisce con la mamma prima a Parma e successivamente in California; qui, dopo pochi anni dal suo arrivo negli States, inizia la carriera del giovane attore. Quella del piccolo Diego è una dote innata, una passione per la recitazione ereditata dal fratello maggiore Alessandro; inizia così a frequentare le Acting School di Los Angeles con maestri professionisti dell’industria del cinema. La madre intanto, diventa proprietaria di un’agenzia per attori nella Città degli Angeli e comincia a proporre il giovane prodigio per film e pubblicità. Questa è la sua storia.

Diego si dimostra fin da subito un bimbo sveglio, spigliato, fresco e ama intercalarsi in diversi personaggi; Diego piace fin da subito agli operatori del mestiere, ma soprattutto piace al pubblico: “La mia maestra a scuola mi chiamava ‘sciupafemmine italiano’ per il mio look curato” racconta Diego. Ma non era solo il look del giovane italiano a catturare l’attenzione del pubblico; era infatti dotato di una profondità d’animo non comune in ragazzini di così giovane età. Inizio così l’esperienza cinematografica di Diego e in soli quattro anni colleziona più di trenta progetti, inviato sui set ogni weekend e con una media di tre audizioni a settimana. “Non mi scorderò mai il mio primo lavoro – ricorda emozionato il giovane attore – era lo spot della Nike e avevano chiamato più di 3000 bambini per quella audizione, ma per passare quel provino occorreva essere un atleta”. Questa fu una splendida esperienza per Diego che, da buon italiano bravo nel calcio, fu scelto per quello spot. “Un’avventura stupenda e alla fine mi regalarono i vestiti della Nike che indossa per il lavoro – continua il piccolo bercetese – l’unico problema è che ora qui sono considerato un atleta professionista e non posso più giocare nella squadra del College. Pazienza!”.

Questo il trampolino di lancio che segna la sua prima fama d’artista: da qui lo vediamo su vari set pubblicitari, quello della Dockers con Taye Diggs, quello di Disney Infinity 3.0 con il fratello Alessandro o quello di Mazda uscito durante il Superbowl. “Divertente fu recitare nel video musicale Hold On dei Cheat Codes Ft. Dj Moguai – spiega soddisfatto Diego – lì ero il giovane protagonista del video. Io però ho sempre amato la tv e i film.

Da Pagazzano al grande cinema di Hollywood: Diego Delpiano e l’arte d’attore | INTERVISTADopo i numerosi spot pubblicitari, Diego comincia a comparire in diverse serie tv: interpreta il ruolo di Gerald Fierce in Grandfathered al fianco di John Stamos, lo troviamo calato nella parte di Tim Greggs nella serie Major Crimes e nel ruolo di Young Wolf in Future Man, al fianco di Derek Wilson. Ma il suo curriculum non si esaurisce certo qui: il piccolo prodigio parmigiano è il il bambino americano che vive la tragedia dell’attacco terroristico delle Twin Towers in The Eleventh, il bimbo orfano siriano nel film Pass-Over del regista Bash Achkar ed è Nick in ST. Nick per la regia di Kash Zehender.

Sono tanti i ruoli interpretati in numerosi film e serie americane. Ma Diego, per tutti questi anni ha conservato un sogno: “Da quando sono qui negli Stati Uniti ho sempre avuto il sogno di lavorare in Italia vicino ad amici e parenti”, racconta ancora. Il suo sogno quest’anno si è realizzato: a febbraio infatti, interpreta Kip, il protagonista di Otzi and the mystery of the time, al fianco di Vinicio Marchioni e Alessandra Mastronardi per la regia di Gabriele Pignotta. Potremmo vedere il piccolo Diego nelle sale italiane il prossimo febbraio. Dal 10 dicembre andrà invece in onda in tv la sit-com New School, dove interpreterà il ruolo di Justin, il bel Fonzie della scuola. Ora invece, il giovane attore si trova sul set di Arriva la befana, insieme a Paola Cortellesi e che uscirà nel periodo natalizio del prossimo anno.

E Diego non può che essere felice della sua permanenza in Italia: “Questo è un periodo molto bello per me – spiega Diego prima di salutarci – Sono in Italia, vado a scuola con i miei amici e continuo a lavorare su un set che amo”. Se Diego è felice della sua vita, del suo lavoro da attore lo deve solo alla sua famiglia. E lui lo sa: ”ringrazio mia madre per tutte le possibilità che mi ha dato, il mio fratellino Nico che mi segue ovunque e mio fratello maggiore Alessandro, che è stato per me un esempio di tenacia e costanza. Un grazie va anche a mio padre, da cui ho imparato l’arte della recitazione, infine voglio ringraziare la mia grande famiglia in America che mi è sempre stata accanto”.

© riproduzione riservata

Da Pagazzano al grande cinema di Hollywood: Diego Delpiano e l’arte d’attore | INTERVISTA

Ca' Bianca