Nuovo Parco Termale a Salso: 3 milioni per la creazione

Ca' Bianca

Il complesso dovrà sorgere tra le Terme Berzieri e la Stazione; il costo massimo dell’intervento di riqualificazione per la creazione del Parco è 3 milioni

Riqualificazione di un ampio spazio urbano tra il complesso delle Terme Berzieri e quello della Stazione. Questo il progetto del Comune di Salsomaggiore che in questi giorni ha promosso un apposito bando di corcorso. L’obiettivo è individuare la migliore proposta progettuale, realizzabile a livello tecnico ed economico. Quindi affidare al vincitore del concorso la realizzazione del nuovo Parco Termale

Il costo massimo dell’intervento da realizzare è di tre milioni, con Iva al 10% inclusa. Il bando si articola in due fasi. La prima fase prevede la consegna di una busta sigillata con un codice identificativo di cinque parole che indichi il mittente. Sulla busta andrà indicato l’indirizzo del Comune di Salsomaggiore il titolo del progetto: “Riqualificazione di un ampio spazio urbano tra il complesso delle Terme Berzieri e quello della Stazione per la creazione di un Parco Termale – Prima Fase“. All’interno della busta devono esserci i seguenti elaborati: 

  • Relazione illustrativa e tecnica in una max di 8 facciate in formato A4. Deve illustrare i criteri guida con schemi, immagini e scelte. 
  • Elaboratori grafici (max 5) in A3 che illustrino l’idea progetto.

Il termine ultimo di consegna per la prima fase è il 21 febbraio 2017. A questo punto una commissione giudicatrice sceglie le cinque proposte progettuali che passano alla seconda fase. I criteri di valutazione sono i seguenti: 

  • Qualità del concept nel complesso generale
  • Qualità del concept nella specificità delle scelte progettuali inerenti alla reinterpretazione della tipologia degli spazi urbani 
  • Fattibilità economica e facilità di manutenzione delle opere

La seconda fase del bando

I codici identificativi dei cinque concorrenti selezionati saranno pubblicati sul sito del Comune. Il termine di pubblicazione è il 10 marzo 2017. Questi cinque, entro l’11 maggio 2017 dovranno presentare i progetti per la seconda fase. All’interno della busta, consegnata con le modalità precedenti, deve esserci: 

  • Progetto di fattibilità tecnica ed economica
  • Illustrazione delle ragioni della soluzione proposta e motivazione delle scelte architettoniche e tecniche del progetto
  • Descrizione generale della soluzione progettuale dal punto di vista funzionale
  • Descrizione delle caratteristiche del progetto dal punto di vista dell’inserimento nel contesto e le relazioni con il tessuto circostante
  • Descrizione dei criteri di progetto finalizzati alla sostenibilità ambientale, energetica ed economica
  • Accessibilità utilizzo, facilità ed economicità di manutenzione e gestione delle soluzioni progettuali
  • Circostanze che non possono risultare dai disegni
  • Indirizzi per la redazione del progetto definitivo
  • Relazione di massima sugli aspetti economici-finanziari del progetto.

La relazione potrà contenere immagini e schemi grafici e dovrà essere contenuta in un fascicolo di max 20 facciate A4. Va presentato anche un ccalcolo sommario della spesa in 4 facciate A4. Gli elaborati grafici, massimo 6 tavole in formato A0, da presentare sono: 

  • Inquadramento urbano scala 1.100
  • Planimetrie generale e profili scala 1.500
  • Campioni di parti ritenute maggiormente significative con piante e sezioni scala 1:200
  • Sezioni tipo di parti ritenute maggiormente significative atte a rappresentare la qualità tecnica e materica dello spazio urbano e paesaggistico 1:100/1:50
  • Linee guida progettuali per elementi di arredo 1:100/1:50.

Assegnazione del premio e dei riconoscimenti

La commissione assegnerà, in seduta pubblica, il premio al vincitore del bando. I cinque progetti finalisti saranno valutati in base ai seguenti criteri: 

  • Qualità del progetto nel suo complesso generale, con riferimento al suo inserimento nel sistema complessivo degli spazi circostanti
  •  Qualità del progetto nella specificità delle scelte progettuali inerenti la reinterpretazione della tipologia degli spazi urbani in riferimento agli usi misti previsti e alla soluzione delle complessità di ordine funzionale e tecniche indicate nel Documento Preliminare
  • Qualità del progetto in base all’utilizzo di materiali, dettati dagli spazi urbani e paesaggistici, sia per le parti pavimentate che a verde
  • Fattibilità realizzativa ed economicità e facilità di manutenzione delle opere.

La data di proclamazione verrà comunicata successivamente sul sito del Comune. Tutti i progetti passano di proprietà al Comune. Al vincitore della seconda fase verrà assegnato un premio di 11.000€ al lordo di Iva e oneri di legge. Al secondo classificato di 4.500€, al terzo di 2.500€ e al quarto e quindi di 1.000€. Qualora il Comune decida di non assegnare il primo premio, al sesto verrà corrisposto un premio pari a quello del quinto. La liquidazione dei premi avverrà dopo 90 giorni dalla proclamazione ufficiale. 

© riproduzione riservata

A Fidenza arriva il nuovo depuratore a energie rinnovabili

ARA
Privacy Policy