Parma, si arrende un altro storico negozio del centro: chiude Passalacqua

Cento anni di attività prima di dire addio al commercio: tanto ci ha messo Passalacqua, storico negozio di articoli per la casa di piazzale della Steccata

PARMA | Era il 1918, quando Luigi Passalcqua apriva in via Mazzini il negozio di articoli per la casa Passalacqua. Da lì a qualche anno sarebbe diventato il punto di riferimento per tanti parmigiani che volevano arredare casa, oppure dotarsi di accessori domestici di moda o all’avanguardia. In questi giorni, tuttavia, a distanza di 100 anni di attività gli attuali proprietari Marco e Cecilia sono passati alla liquidazione totale per poi abbassare un’ultima volta la saracinesca.

Si ringrazia Parma per i 100 anni di fiducia“, con queste parole lascia l’ennesimo storico negozio del centro cittadino. Un saluto che lascia l’amaro in bocca se si considera che uno dopo l’altro i commercianti storici della città stanno lasciando le loro posizioni, chiudendo attività che per intere generazioni sono state un vero e proprio riferimento. Passalacqua, gestito dai nipoti dello storico fondatore Luigi, chiude per ragioni comuni a tanti altri negozi che negli ultimi anni hanno abbassato la serranda in via definitiva: da una parte la crisi economica, che si è abbattuta come un flagello anche sul negozio di piazzale della Steccata; dall’altra la stanchezza nel dover gestire un’attività che ormai Marco e Cecilia portano avanti da oltre trent’anni.

Tanti i parmigiani che sono passati da Passalacqua per la lista di nozze. L’elegante negozio situato a pochi passi dalla Basilica di Santa Maria della Steccata, è stato per tantissimi anni oggetto di pellegrinaggio da parte di coppie innamorate e relativi invitati per i regali nuziali. Negli ultimi anni, tuttavia, ha pesato la concorrenza sempre più pressante dei centri commerciali e del commercio on-line, nuove imprese che hanno saputo rinnovare il settore abbassando notevolmente i prezzi a discapito di ricercatezza e qualità. Terminata la liquidazione sarà una gioielleria a prenderne il posto, nel tentativo di sfruttare la posizione strategica che a partire dagli anni ’80, anni del trasferimento da via Mazzini, è stata esclusiva di Passalacqua.

© riproduzione riservata

Ca' Bianca