“Come una volta”: torna a Parma il gran mercato della biodiversità

Banner

Stand gastronomici e produttori animeranno piazza Garibaldi; appuntamento fino al 23 dicembre con le le eccellenze del territorio

PARMA | Ritorna nel cuore della città “Come una volta”, la quarta edizione dell’iniziativa natalizia che racconta le tradizioni locali attraverso l’esposizione di stand capaci di offrire i prodotti migliori della zona, dal Po all’Appennino.

"Come una volta": torna a Parma il gran mercato della biodiversitàLa manifestazione, che come ogni anno animerà piazza Garibaldi, avrà inizio giovedì 14 dicembre e durerà fino a sabato 23: “Lo scopo di questa iniziativa – ha spiegato l’assessore al Turismo e al Centro Storico Cristiano Casaè quello di portare in piazza la qualità dei nostri prodotti, valorizzare le eccellenze del nostro territorio e creare un’occasione attrattiva legata al brand enogastronomico di Parma“. 

I visitatori potranno trovare un interessante “square food” di fianco all’albero di Natale per degustazioni, e 11 espositori di eccellenze enogastronomiche del territorio. Protagonisti del gran mercato della biodiversità saranno i salumi de L’Antica Corte Pallavicina, il Parmigiano-Reggiano e il tartufo di Ca’ Mezzardi, le carni fresche della Società Agricola San Paolo, i formaggi di capra dell’Azienda Agricola La Gacciola, i dolci natalizi della Magnani Romano e Figli & C., le birre biologiche e le mostarde del mantovano dell’Agricola Biologica Bottarelli Igor, l’aceto balsamico di ciliegia dell’Acetaia Cà del Lauv, gli anolini d’asporto del Ristorante Da Claudia, i prodotti del caseificio Il Battistero, le erbe e i cereali dell’Eredità del Passato e i cesti natalizi del Consorzio Vini Parma.

"Come una volta": torna a Parma il gran mercato della biodiversità

Silvano Gerbella ha infine ricordato l’importanza di questa iniziativa capace di far conoscere ai visitatori realtà del territorio di Parma: “I produttori locali potranno farsi vedere, promuovere le loro piccole ma sorprendenti produzioni che verranno portate ‘come una volta’ – ha sottolineato il Presidente del Consorzio del suino nero – in città dal produttore al consumatore”. Da gennaio a maggio del nuovo anno si terra a Parma una sfida intitolata “La biodiversità delle carni parmensi in tavola”: a essere premiato sarà il ristorante che creerà il miglior piatto a base di carne di suino nero di Parma o di pecora cornigliese.

© riproduzione riservata