Salviamo la pecora cornigliese: un gemellaggio per conservare la razza autoctona della Val Parma

Salvaguardare le razze ovine autoctone: Corniglio, Lamon e Valgrinseche insieme per tutelare la Cornigliese, la Lamon e la Rosset; il 2 giugno il gemellaggio

CORNIGLIO | Al centro del gemellaggio che coinvolgerà il Comune di Corniglio, il Comune di Lamon e il Comune di Valgrisenche c’è la salvaguardia degli ovini autoctoni: Cornigliese, Lamon e Rosset. Ovini che rasentano l’estinzione e rischiano di scomparire, portando via una parte importante di patrimonio della biodiversità. Il 2 giugno i tre Comuni sottoscriveranno un gemellaggio per tutelare queste razze. 

Con la scomparsa dalla biodiversità, scomparirebbe anche una filiera produttiva che tiene in piedi i territori montani e le comunità locali di Corniglio, Lamon nel bellunese e Valgrinseche in Valle d’Aosta. Per questo motivi i tre Comuni hanno deciso di dare vita ad un gemellaggio che vede protagonisti gli ovini delle specie Cornigliese, Lamon e Rosset, razze autoctone del territorio. Il protocollo d’intesa per valorizzare le tre razze ovine sarà firmato a Lamon il prossimo 2 giugno, alla presenza delle delegazioni di Emilia Romagna, Valle d’Aosta, Parco Nazionale dell’Appennino Tosco Emiliano e dell’ideatrice del progetto Anna Kauber.

L’obiettivo è quello di salvaguardare le razze autoctone dall’estinzione e creare una piattaforma di lavoro comune, di scambio e di sostegno reciproco che portino a benefici tangibili per gli allevatori, la filiera della lana, gli Enti di ricerca e il movimento turistico, ambientale e gastronomico. In quest’ottica i territori e il Parco Nazionale dell’Appennino lavoreranno in modo congiunto per la valorizzazione degli aspetti legati alla conservazione delle tre razze ovine, scambiandosi strategie e strumenti per promuovere i territori. Tra i campi d’azione ci sarà lo sviluppo delle filiere del latte, della carne e della lana, il ripristino dei pascoli, il mantenimento e la conservazione del paesaggio e l’impatto del lupo sul territorio. 

© riproduzione riservata

Ca' Bianca