Controlli a tappeto in Provincia: spunta la piscina abusiva a Montechiarugolo

Polizia Pedemontana al lavoro su edilizia e ambiente; da gennaio 180 sopralluoghi e quasi 100 denunce: a Montechiarugolo anche una piscina abusiva

PEDEMONTANA | Controlli a tappeto della Polizia Pedemontana su edilizia e ambiente. Da gennaio 180 sopralluoghi, 22 denunce e 98 sanzioni amministrative, di cui 72 per omessa custodia di cani. Nell’ultimo controllo trovata una piscina abusiva e un appartamento “gonfiato” a Montechiarugolo. 

Gli ultimi controlli effettuati dalla Polizia Pedemontana a Montechiarugolo hanno portato a conoscenza degli agenti di un appartamento “gonfiato”, che il proprietario – per ragioni di spazio – aveva allargato a dismisura invadendo gli spazi condominiali e senza rispettare le norme edilizie. Per l’uomo è scattata una denuncia penale per falso. Sempre a Montechiarugolo, nei vari controlli, è emersa anche la costruzione di una piscina abusiva

Dall’inizio dell’anno gli agenti del Nucleo di Polizia Edilizia dell’Unione Pedemontana Parmense nei comuni di Collecchio, Felino, Montechiarugolo, Sala Baganza, Traversetolo e Lesignano de’ Bagni, hanno effettuato 30 sopralluoghi sfociati in 19 denunce di proprietari e tecnici che hanno dichiarato il falso. Ci sono ad esempio sgabuzzini diventati comodi salotti o cantine trasformate tranquillamente in camere da letto. 

I controlli a tutela del territorio portati avanti sempre dagli agenti pedemontani del Nucleo amministrativo sono stati ben 150 e hanno portato a complessivamente a tre denunce e 98 sanzioni amministrative, di cui 72 per omessa custodia di cani, abbandonati o lasciati liberi di vagare per le strade dei cinque comuni. “Questa è un’ulteriore dimostrazione di come la parola “sicurezza” per noi non significhi soltanto controllo della circolazione e multe – sottolinea il sindaco di Felino e assessore dell’Unione alla Sicurezza Elisa Leoni -, ma anche il rispetto delle norme edilizie e amministrative“. 

Il nostro impegno sul territorio è a trecentosessanta gradi, afferma il comandante della Polizia Locale Pedemontana Franco Drigani. Questi risultati sono stati raggiunti grazie alla creazione dei nuclei specialistici, resi possibili dall’istituzione del Corpo intercomunale, dalla fattiva collaborazione degli uffici tecnici e dalla grande disponibilità degli agenti, che non si sottraggono mai all’aggiornamento, all’assunzione di nuovi compiti e a rimanere in servizio oltre il normale orario di lavoro“.

© riproduzione riservata

The following two tabs change content below.