Povertà in Emilia-Romagna: 93 domande al giorno per il reddito di solidarietà

Reddito di solidarietà in Emilia-Romagna: ecco i dati aggiornati sulla situazione povertà in Regione; 11mila domane quelle già pervenute dal settembre scorso

EMILIA ROMAGNA | Il Reddito di solidarietà introdotto in Emilia-Romagna affianca la misura nazionale, il Reddito di inclusione, inserndo nella soglia di povertà anche i nuclei senza minori, i lavoratori precari e quelli con basso o bassissimo reddito.

Sono passati solo quattro mesi dall’entrata in vigore del Reddito di solidarietà dell’Emilia-Romagna (18 settembre 2017) e le domande sono già 11mila. Le richieste, con una media di 93 al giorno, testimoniano una situazione di povertà differente dal resto d’Italia che ha appunto reso opportuno l’inserimento del Res, una legge creata ad hoc per i bisogni emiliano-romagnoli. Affiancato al già presente Rei, Reddito di inclusione sociale, che opera su scala nazionale, il Reddito di solidarietà viene in contro alle persone che vivono in situazione di grave povertà, con un aiuto fino a 400 euro mensili per un anno per nuclei famigliari fino a 5 persone anche  senza minori, o ai lavoratori precari o con basso o bassissimo reddito.

Secondo la stima aggiornata dell’Università di Modena e Reggio-Emilia (18 gennaio 2018) lo 0.47% delle famiglie residenti in Emilia-Romagna hanno inoltrato la domanda. Ma ecco qualche confronto con dati alla mano: la provincia più “povera” risulta essere quella di Bologna (2.346 domande su 482.861 famiglie residenti), al secondo posto Modena (1.533 su 300.584 famiglie) a metà classifica troviamo le provincie di Ravenna, Reggio-Emilia, Ferrara, Rimini e Parma (784 su 203.450 famiglie residenti); Tra le zone meno bisognose invece compaiono Piacenza (484 domande su 129.581 famiglie) e Forlì- Cesena (714 su 170.042). Alla luce di questi dati la Regione ha deciso di erogare 35 milioni di euro l’anno fino al 2020 collocando sui provvedimenti nazionali (Rei) tutti i beneficiari di questa misura in modo da non “sovraccaricare” le risorse del Res.

© riproduzione riservata

Povertà in Emilia-Romagna: 93 domande al giorno per il reddito di solidarietà