I presepi di Bazzano illuminano il Natale – SPECIALE

Ca' Bianca

Grande emozione a Bazzano per l’undicesima edizione de “Il Paese dei Presepi“; sono più di 200 le creazioni che attendono i visitatori in paese

@AndreaAdorni @LucaGalvani

Il fascino del Natale ha letteralmente invaso Bazzano per l’undicesimo anno consecutivo. Ancora una volta, infatti, il paese ha saputo onorare a pieno il titolo di “Paese dei Presepi“. Sono più di 200 le creazioni che animano le vie, le piazzette, le finestre, i giardini e i cortili bazzanesi. Il clima che si respira è quello di una volta: luci, colori, addobbi e il grande senso di comunità di questi luoghi rallegrano l’aria. Ogni angolo si tramuta in magia e ogni presepe racconta una storia. Il tour che vi proponiamo si è svolto all’imbrunire, quando l’oscurità dava il tempo a tutte le lucine di manifestarsi.

Quasi tutti presepi provengono dal paese. Interamente. Dai costruttori, gli stessi bazzanesi, ai materiali, recuperati quasi totalmente in loco. Gli abitanti si sono infatti prodigati nell’ideazione, nella progettazione e nella costruzione di queste opere uniche. Ma la caratteristica che sembra accomunarli tutti è la semplicità. Che, attenzione, non scade mai nella banalità. La tematica presepiale, infatti, è affrontata con idee precise, originali e divertenti, ma mai scontate. A dimostrazione che il grande successo riscontrato in questi anni sia dovuto anche da questa carta vincente: l’arte di arrangiarsi creando.

Il nostro servizio con una selezione di presepi

Organizzazione, produzione e visite

Il merito di aver creduto fin dall’inizio a questa iniziativa va ad una serie di associazioni: dalla Pro Loco di Bazzano all’associazione culturale “Il Camino“, con la collaborazione della Parrocchia e del Comune di Neviano degli Arduini. Ma – come già accennato – il merito più grande è da attribuire alla comunità bazzanese. In tanti si sono indaffarati per poter donare la veste suggestiva che possiamo ammirare oggi al paese. Alcuni hanno iniziato a preparare i propri presepi già diversi mesi fa. Ognuno con il materiale che trovava.

Si tratta, in alcuni casi, di vero e proprio riciclo creativo. Legno, panni, carte, mattoncini, muschio, pane, uova, piante e tanti altri materiali ancora sono stati utilizzati per creare queste opere d’arte. L’accensione è avvenuta lo scorso 10 dicembre e i presepi di Bazzano saranno visitabili fino all’8 gennaio. Ad aspettare i visitatori, però, non ci saranno solo i presepi. Anche il Museo Uomo Ambiente è pronto ad accogliere i più curiosi. Si potrà rivivere la storia del territorio attraverso la riscoperta di antichi mestieri. Oppure visitando la mostra d’arte all’ultimo piano. In piazza, invece, la slitta di Babbo Natale attende i più piccini. Mentre nella casetta della Pro Loco si troveranno le mappe con la disposizione di tutti i presepi.

© riproduzione riservata

La poesia dei presepi invade Bazzano – EVENTO

ARA
Privacy Policy