I quattro motivi per vedere Parma-Pescara

I quattro motivi per vedere Parma-Pescara

Ca' Bianca
The following two tabs change content below.

Il Parma ha l’occasione per riscattarsi contro il Pescara di Zeman sabato al Tardini; goleada o altra partita senza reti degli attaccanti?

Palermo, direzione Parma. Un volo breve e un ritorno che proietta i crociati verso il match contro il Pescara. Sabato si torna al Tardini. Arriva il Pescara di Zeman. I crociati hanno sulle spalle due pareggi (in casa con la Salernitana e al Barbera) che mostrano il bicchiere mezzo pieno. Con la Salernitana si poteva anche perdere negli ultimi dieci minuti, dopo le espulsioni di Iacoponi e Di Cesare. Si poteva vincere a Palermo se l’arbitro non avesse annullato la rete regolare di Gagliolo. Gli attaccanti non segnano, Calaiò ci ha provato più di una volta con esito negativo. Ceravolo si allena col gruppo ma ancora non è al cento per cento. Il Pescara si può battere anche con qualche gol di scarto. Le squadre allenate da Zeman ne fanno e ne prendono. E il bello è che contro Zeman almeno una delle due formazioni gioca bene e difficilmente si vedono 0-0. Quali sono quindi i motivi per vedere la partita contro il Pescara?

    1. DOPO TEDINO ECCO ZEMAN. OVER IN VISTA?

      Piovono gol quando Zednek è in panchina. Da una parte e dall’altra del campo. Il Parma ha le statistiche dalla sua parte e la concreta possibilità di sbloccarsi in attacco, magari segnando più di due reti in una partita. Dopo i tanti 1-0 di inizio campionato non è escluso un pronostico ricco di gol. Over in vista e partita elettrizzante.

    2. I GOL DEGLI ATTACCANTI. LA FRECCIA DI CALAIO’ E IL DEBUTTO DI CERAVOLO DAL 1′

      A inizio stagione si parlava molto dell’attacco del Parma, soprattutto negli ultimi giorni di mercato. Arriva Caputo, no arriva Matri. Anzi, arriva Ceravolo. Arriva la “Belva” ma ha qualche problema di troppo e gioca solo dieci minuti a Perugia (messo in campo inutilmente sul 3-0). Forse è il momento di schierarlo dal primo minuto, sperando di non correre troppi rischi in vista di una stagione lunga come la Serie B. Tutti aspettano Ceravolo che segna sotto la Curva Nord. Il suo compagno di reparto, l’Arciere Calaiò, ha l’arco pronto e non vede l’ora di scagliare frecce contro i portieri avversari. Ci ha provato due volte a Palermo. Col Pescara al 90% partirà titolare e avrà la possibilità di riscattarsi. Il gol su azione manca da troppo tempo.

    3. JACOPO DEZI, QUANDO IL PRIMO GOL IN CAMPIONATO?

      Sette reti la scorsa stagione a Perugia. Una media che lo ha incoronato tra uno dei migliori centrocampisti della Serie B. Tante prestazioni da gran giocatore ma anche qualche errore di troppo (il passaggio sbagliato nell’azione del gol rosanero è un esempio). Ma Jacopo vuole farsi perdonare. Il gol del centrocampista si spera possa arrivare molto presto.

    4. ROBERTO INSIGNE E IL FRATELLO PUPILLO DI ZEMAN

      Un Insigne è passato per Pescara, in una squadra fortissima che ha ottenuto la promozione in Serie A. Lorenzo Insigne, fratello di Roberto e attaccante del Napoli ha giocato nel Pescara di Zeman con giocatori come Immobile e Verratti. Roberto, esterno offensivo del Parma, le occasioni per mettersi in mostra le ha avute. Due reti sbagliate davanti al portiere per due azioni fotocopia, con il pallone forse colpito troppo bene. Che non arrivi lo scherzetto dal fratello del pupillo di Zeman? 

Credits Photo: Zimbio

© riproduzione riservata

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

HTML Snippets Powered By : XYZScripts.com
Privacy Policy