Segreteria provinciale PD: la contesa è fra Nicola Cesari e Fabio Moroni

Ca' Bianca
The following two tabs change content below.

È corsa a due per la Segreteria Provinciale del Partito Democratico: Cesari: “O si cambia o si muore”; Moroni: “Ricostruire una comunità di persone”

PARMA | Parte la corsa per la Segreteria Provinciale del Partito Democratico, dopo le dimissioni rassegnate da Gianpaolo Serpagli in seguito alla sconfitta di Paolo Scarpa alle comunali di giugno. Si mettono a disposizione del partito, proponendosi come candidati il sindaco di Sorbolo Nicola Cesari e il consigliere comunale di Fontevivo Fabio Moroni. Due volti giovani della politica del Partito Democratico, che portano con sè una ventata di freschezza e novità. 

A Parma – ha dichiarato Nicola Cesari, annunciando la sua candidatura – è tempo di fare una scelta. Noi che crediamo nel Pd siamo di fronte ad un bivio: sono vent’anni che non governiamo la città. Quest’anno abbiamo nuovamente perso e abbiamo perso male, con una cosa di polemiche che i nostri elettori non meritavano“. L’analisi di Cesari è puntuale e non lascia spazio a repliche: “Bisogna essere onesti – prosegue – e dire che ci siamo fatti male da soli. Non è la prima volta e non possiamo accettarlo; il centro sinistra di Parma va cambiato, anche a costo di rovesciare il tavolo. O si cambia, o si muore“.  

La strada del cambiamento e del confronto è la stessa che intende perseguire anche l’altro candidato, Fabio Moroni. “Ho messo a disposizione del dibattito tra gli iscritti e nei circoli la mia proposta di candidatura“, spiega il consigliere di minoranza del Comune di Fontevivo. “Credo – prosegue – che il Pd di Parma abbia bisogno di avviare alla luce del sole un confronto per cercare una sintesi che possa essere rispettosa di tutto e di tutti“. 

L’amore per Parma e l’importanza del lavoro collettivo

Per entrambi i candidati il Partito Democratico può essere la soluzione alla complessità del momento storico che il Paese, e quindi anche le realtà comunali, stanno attraversando. “Può proporre una visione di futuro che metta insieme lavoro ed impresaambiente e sviluppo economico“, afferma Cesari. Ma può e deve sopratutto essere “una squadra di uomini e donne che hanno lo stesso obiettivo“.  Affonda ancora il coltello nella piaga Cesari, ribadendo l’attuale situazione del Partito: “Serve una scelta. Serve ora. Prima che si disperda l’entusiasmo e la passione di chi si riconosce in questi ideali“. 

Moroni, invece, punta sul concetto di comunità. Una comunità che va costruita o “ricostruita con persone che vogliamo mettersi a disposizione della città, della provincia, del territorio“. E per farlo Fabio Moroni chiede che vengano messe in campo due cose: il cuore e la testa. Serve, dunque, unità, per guardare avanti e costruire il nuovo futuro del Partito: “Sindaci, amministratori, parlamentari, politici di lungo o breve corso, iscritti – è l’appello del consigliere fontevivese – insieme possiamo costruire un Pd veramente utile. A tutti e non solo ad alcuni“. 

Il ruolo del Segretario

Dobbiamo domandarci – continua il sindaco di Sorbolo – cosa vogliamo per il futuro del Pd di Parma“. Una domanda che trova risposta nell’entusiasmo di Cesari, che nel proporre il suo documento a cui tutti possono aderire spiega la sua mission da candidato Segretario: “Dobbiamo aprirci alla società. Riaprire porte che si sono chiuse. Non avere paura di bussare a quelle mai varcate. Non possiamo restare prigionieri di vecchie logiche. Vogliamo rendere il Pd un partito migliore e vogliamo farlo con tutti quelli che saranno disposti a condividere la strada, che è quella più difficile. Ripeto – conclude – o si cambia, o si muore“. 

Credo – prosegue Fabio Moroni illustrando la sua visione del ruolo del Segretario – che alla Provincia di Parma serva un segretario che voglia veramente dedicarsi al Pd. Servono competenzaindipendenza e spirito di squadra“. E poi lo slogan: #stopalletelefonate: “Non ci servono – spiega Moroni – imposizioni, telefonate o accordi di retrobottega. Lo preciso subito – conclude – non ho e non avrò carriere personali o amici di coltivare. Vorrei che nei prossimi giorni si parlasse di questo. Credo sarebbe utile a me, a noi, e al Pd“. 

© riproduzione riservata

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

HTML Snippets Powered By : XYZScripts.com
Privacy Policy