"Sei da me": la cooperativa di tate che ama ed educa i bimbi | INTERVISTA

“Sei da me”: la cooperativa di tate che ama ed educa i bimbi | INTERVISTA

Ca' Bianca

Daniela Canola, socia e tata della CooperativaSei da me“, offre una panoramica sul lavoro quotidiano delle Tagesmutter: le “mamme di giorno” che si occupano della cura e dell’educazione dei bimbi

Il modello di tata Tagesmutter nasce negli anni ’60 nel nord Europa, diffondendosi rapidamente fino alla Francia e, alla fine degli anni ’90, raggiunge anche l’Italia, radicandosi in maniera piuttosto profonda in tutte le regioni settentrionali, dove la Tagesmutter è ufficialmente riconosciuta come figura professionale.

L’attuazione di questo progetto prende forma da un’idea semplice e concreta, ossia la centralità della casa e dell’educatrice. La casa, dove la tata accoglie i bambini di cui si prende cura, è il proprio domicilio. L’abitazione ha sicuramente un effetto rassicurante sul bambino, che ritrova delle similitudini con gli spazi domestici della propria casa – racconta Daniela Canola, socia della ‘Sei da me’. La cooperativa ‘Sei da me‘ gestisce il servizio Tagesmutter dal 2006, dando una risposta flessibile alle esigenze di conciliazione vita/lavoro delle donne. Si rivolge anche a coloro che scelgono di stare a casa coi propri figli offrendo un’opportunità di lavoro domestico professionale”.

Chi è la Tagesmutter?

Tagesmutter significa mamma di giorno”, prosegue Daniela, che è diventata Tagesmutter dal 2013. Si tratta di una persona adeguatamente formata che offre cura ed accoglienza ad un numero massimo di cinque bambini, senza limiti di età, presso il proprio domicilio. Il servizio non ha orari determinati ed è molto flessibile, solitamente viene concordato tenendo conto delle esigenze della famiglia e della disponibilità oraria della tata. È sicuramente un’offerta diversa ai servizi tradizionali. I genitori vengono a fare un colloquio, poi in base alle loro esigenze ci si accorda e inizia l’esperienza con la tata”.

Le Tagesmutter della cooperativa ‘Sei da me’ coprono il territorio di Parma e alcuni comuni della Provincia, come Colorno e Sala Baganza; le tate ricevono sostegno e supporto quotidiano dalla cooperativa, garantendo standard qualitativi alti sia dal punto di vista ambientale che educativo.

Il Team di “Sei da me“: oltre le tate anche collaborazioni di figure professionali

"Sei da me": la cooperativa di tate che ama ed educa i bimbi | INTERVISTALa cooperativa si avvale della collaborazione di uno psicologo, un pedagogista e un nutrizionista, oltre che di un team di Tagesmutter, formate e qualificate. A fornire l’appoggio per quanto riguarda la consulenza di professionisti del settore è la cooperativa Sociale ‘La Mani Parlanti’, che si occupa di servizi psicologici e psicopedagogici; dal 2013, cura il coordinamento pedagogico e la formazione permanente delle Tagesmutter di ‘Sei da me’. ‘La Bula‘, cooperativa sociale che dal 1980 si occupa di formazione e integrazione per persone con disabilità, ha attivato la collaborazione con ‘Sei da me’ dal 2015; in particolare questa cooperativa crea giochi e oggettistica sia per le Tagesmutter che per le famiglie. 

Dal 2015, invece, è attiva la collaborazione con Madegus s.r.l., società che si occupa di educazione alimentare e divulgazione ludico scientifica nel campo dell’alimentazione; il compito di questa società è la stesura di buona prassi alimentari per le famiglie utenti del servizio attraverso la redazione di un menù che le Tagesmutter offrono ai piccoli ospiti.

L’esperienza di Daniela: “Ci prendiamo cura dei bambini e li educhiamo

"Sei da me": la cooperativa di tate che ama ed educa i bimbi | INTERVISTADaniela ci racconta la sua esperienza: “Dopo dieci anni di lavoro al nido questa è stata per me una bellissima scelta, soprattutto è bello poter conciliare casa, famiglia e lavoro. I pro sicuramente sono il diversi, prima di tutto vivere la propria casa anche come posto di lavoro, poi le tantissime attività da poter svolgere con i bambini, senza contare il bellissimo rapporto che si crea sia col bambino che con sua la famiglia. Il contro è sicuramente il lavoro in solitaria, e in casa, con l’esigenza di uscire e confrontarsi con qualcuno“.
Anche per questo motivo, la cooperativa Sei da me collabora con specialisti, per poter sostenere le Tagesmutter che, praticando un lavoro in solitaria, spesso hanno bisogno di pareri, consigli e sostegno da esperti e colleghi. In passato per essere Tagesmutter bastava essere mamma – chiarisce Daniela -, oggi invece è un lavoro da educatrice, perché bisogna anche educare il bambino, non solo prendersene cura . Dal 2013 ad oggi sono stata la tata di diversi bambini. Loro rimangono molto legati alle loro tate, e spesso tornano nel periodo di chiusura dei nidi o delle materne. Essendo il nostro un servizio che dura tutto l’anno, per i genitori è molto comodo“.

Come si diventa Tagesmutter?

Serve un titolo di studio che permette di fare di questa attività una professione – conclude Daniela. Per chi non ne è in possesso, ma comunque desidera diventare Tagesmutter e far parte di questo progetto, c’è un percorso formativo da seguire. Il corso dura 250 ore, di cui 200 prevedono una preparazione teorica, mentre per le restanti 50 inizia la preparazione pratica con un tirocinio”. Le tate sono continuamente aggiornate, soprattutto su quelli che sono i regimi di sicurezza e d’igiene da tenere quando si decide di aprire la propria porta di casa a piccoli ospiti.

La sede legale di ‘Sei da me’ si trova in Strada Cavagnari 3 a Parma, e gli uffici in Stradello Ada Negri 6, sempre a Parma. Per tutte le informazioni è possibile anche visitare il sito internet www.seidame.it.

© riproduzione riservata

Assistenza Volontaria: la favola di Sala, Collecchio e Felino | INTERVISTA

ARA
HTML Snippets Powered By : XYZScripts.com
Privacy Policy