Il viaggio mitico del treno delle Terme: dal 1890 ad oggi – VIDEO

Cà Bianca

È ripartito alla volta di Milano Centrale alle 17.50 dalla stazione di Salsomaggiore: è il treno delle Terme che per anni ha solcato la tratta Fidenza-Salso

SALSOMAGGIORE – Per un giorno il treno delle Terme è ritornato a Salsomaggiore. Un degno festeggiamento per gli ottant’anni della stazione della città termale. Le carrozze “Corbellini”, di prima e seconda classe, guidate dalla elettromotrice E623 Varesina hanno accolto i passeggeri e i turisti nella tratta da Milano a Salsomaggiore. Nel corso della giornata, inoltre, il treno ha fatto servizio di spola tra Fidenza e Salsomaggiore con numerose persone a bordo. Carrozze d’epoca, imbottite e rivestite in prima classe e con le panche in legno in seconda. Il 5 maggio 1890 la prima corsa da Borgo San Donnino alla città termale. 

È ripartito alla volta di Milano Centrale alle 17.50 dalla stazione di Salsomaggiore: è il treno delle Terme che per anni ha solcato la tratta Fidenza-SalsoCon il treno del mattino, partito da Milano, sono arrivati anche figuranti in abito storico a ricordare la clientela d’élite che a inizio Novecento frequenta Salso per le proprietà termali delle sue acque. Aperta, dopo l’inaugurazione del 21 aprile, tutto il giorno anche la mostra fotografica Un treno per Salso” organizzata dal Circolo Fotografico Zoom. Numerosi i turisti che sono accorsi in paese per vedere il treno e per godersi una passeggiata tra i parchi della città termale. 

Soddisfatto il sindaco Filippo Fritelli 

Oggi nella nostra città – ha commentato il Sindaco – si è realizzato un grande evento storico, culturale e turistico che ha portato tanta gente negli spazi della nostra storica stazione in occasione del suo ottantesimo compleanno. E che ha visto impegnata per la sua realizzazione una parte importante del nostro mondo amministrativo e associativo. Il lavoro, i rapporti e gli investimenti fatti in questi mesi da Ferrovie ci hanno ridato una speranza per il futuro di questo spazio. La stazione è un patrimonio comune e oggi c’è stato un po’ di orgoglio salsese in quell’evento. Di quella Salso che sa riscoprirsi ancora meglio quando va a valorizzare la sua storia. Un grande grazie all’assessore Paolo Canepari, senza il quale tutto questo non ci sarebbe stato, un lungo lavoro di mesi ha ridato dignità e prestigio alla nostra stazione“.

Il video

© riproduzione riservata

ARA2
Privacy Policy