Ausl sui vaccini: “Potenziate le strutture con 11 sedi in tutta la Provincia”

Riduzione dei distretti, ma potenziamento del servizio: piano straordinario necessario per garantire le vaccinazioni previste dalla legge

PARMA E PROVINCIA | Dopo i dubbi espressi da Fratelli d’Italia Colorno sulla chiusura del punto vaccini comunale, l’Ausl torna a chiarire i passaggi delle chiusure rese necessarie dalle legge sull’obbligatorietà dei vaccini, che ha portato all’instaurazione di un piano straordinario. Le vaccinazioni obbligatorie passano da 4 a 10 e nella Provincia di Parma sono oltre 57.000 i bambini interessati, di cui 5.000 non sono in regola per le vaccinazioni. 

Sulla base di questi numeri l’Ausl ha dovuto predisporre un piano straordinario per i servizi della Pediatria di Comunità con la concentrazione delle attività vaccinali in 11 sedi e un potenziamento delle sedute fino a 2.300 di 4 ore ciascuna, per un totale di 45 sedute a settimana. Gli orari di apertura e il numero di sedute negli ambulatori, con il piano straordinario sono dunque più ampi, con l’obiettivo anche di facilitare l’accesso degli utenti durante l’arco dei giorni della settimana. Il piano cesserà a giugno 2018.

I distretti e i dettagli

  • Distretto di Parma, via Da Vinci. Sospesi gli ambulatori di via Vasari, Colorno e Sorbolo. Previsti 24.000 accessi. 
  • Distretto di FidenzaVaioSan SecondoNoceto. Sospesi gli ambulatori di Busseto, Salsomaggiore e Fontanellato. Previsti 12.600 accessi.
  • Distretto Sud-EstLanghirano, TraversetoloCollecchio. Sospesi gli accessi a Felino, Montechiarugolo, Sala Baganza, Calestano, Tizzano, Neviano, Palanzano e Monchio. Previsti 8.500 accessi.
  • Distretto Valli Taro e CenoBorgotaro, Fornovo, Medesano Bardi. Sospesi ambulatori a Bedonia e Berceto. Previsti 4.200 accessi.

© riproduzione riservata

Ca' Bianca