1 maggio

In occasione della Festa dei Lavoratori e delle Lavoratrici del’1 maggio, questo sabato è stata organizzata una breve cerimonia a porte chiuse fruibile in diretta streaming dalla Sala Consigliare del Comune di Parma dal titolo “L’Italia si cura del lavoro”. A partecipare insieme all’Amministrazione Comunale vi saranno i segretari generali di CGIL, CISL e UIL. Lo slogan scelto per questo 1 maggio dai sindacati confederali è, come detto, “L’Italia si cura del lavoro”, atto a ribadire unitariamente il valore di centralità che il lavoro ha oggi più che mai, necessario per far sì che il Paese riparta e si ricostruisca su nuove basi affrontando in maniera equa e solidale le gravi conseguenze economiche e sociali causate dalla pandemia. Si ricorderanno, mediante questa breve cerimonia, le lotte per l’ottenimento dei diritti portate avanti nel corso dei secoli dai lavoratori e inoltre la festa sarà l’occasione per riflettere tutti insieme in maniera più coesa e forte su come fare per indurre un cambiamento e una ripartenza il Paese. Simboli dell’1 maggio di quest’anno saranno il senso di unità, di solidarietà e di coesione sociale.

Visto il perdurare dell’emergenza pandemica, non sarà consentito svolgere le celebrazioni con la presenza del tradizionale corteo dedicato alla Festa dei Lavoratori e delle Lavoratrici. Per permettere a chiunque di esserci con l’animo, sarà possibile seguire e vivere a distanza la ricorrenza tramite una diretta streaming su Facebook della celebrazione che si terrà a porte chiuse nella Sala del Consiglio Comunale. Sabato 1° maggio, dunque, alle ore 11.00, il sindaco di Parma Federico Pizzarotti riceverà nella Sala del Consiglio Comunale Lisa Gattini, segretaria generale CGIL Parma, Angela Calò, segretaria generale aggiunta CISL Parma e Piacenza, e Mario Miano, segretario Generale UIL Emilia, accolti dal Presidente del Consiglio Comunale Alessandro Tassi-Carboni.  La breve cerimonia di sabato sarà trasmessa in diretta streaming sui canali social della CGIL e del Comune di Parma.

@ riproduzione riservata