Il marchio di automobili italiano più diffuso al mondo festeggia il 120esimo anniversario con un francobollo e una nuova serie della gamma 500

L’11 luglio 1899 nasceva a Torino quella che in seguito sarebbe diventata la maggiore casa di produzione automobilistica d’Italia e una delle più importanti del mondo intero: la FIAT (acronimo di Fabbrica Italiana Automobili Torino). Quest’anno ricorre il 120esimo anniversario e l’azienda ha deciso di festeggiare: il 4 luglio scorso è uscito un francobollo speciale creato apposta per l’occasione, che raffigura la prima automobile prodotta dall’azienda; inoltre sarà lanciata una serie di nuovi modelli per la gamma 500 (500, 500L e 500X), chiamata appunto 120°.

120 anni di FIAT: storia dell'automobile italiana attraverso tre secoli
Nuova serie della gamma 500: è chiamata 120°

Il colosso del settore automobilistico ha dunque una storia lunga 120 anni, attraverso un secoli: nata grazie all’accordo di un gruppo di imprenditori, banchieri, industriali e possidenti con l’idea di costruire automobili su scala industriale, molto presto la presidenza passò nelle mani di Giovanni Agnelli, capostipite della famiglia Agnelli, a cui appartiene tutt’oggi l’azienda. A causa della morte del suo unico erede, Edoardo, morto in un incidente aereo, Agnelli passò il comando a Vittorio Valletta, l’amministratore delegato che con le sue doti rare portò la Fiat ad un enorme successo. Altri amministratori delegati e presidenti si succedettero sul trono della Fiat: Gianni Agnelli, Romiti, Fresco, Umberto Agnelli, Luca Cordero di Montezemolo, John Elkann, Sergio Marchionne.

Fiera Millenaria di San Terenziano: a Isola di Compiano tornano festa e tradizione

La produzione di auto iniziò nel 1900 ed il primo modello che uscì fu la FIAT 3 1/2 HP , caratterizzata dalla mancanza della retromarcia; la prima presenza in una corsa automobilistica, invece, risale al 1902, in cui la Fiat gareggiò con il pilota Vincenzo Lancia. Negli anni seguenti l’azienda iniziò a diversificare i prodotti, creando anche tram, autocarri, taxi e mezzi commerciali, e ad esportare all’estero. La fase del primo dopoguerra vede un’innovazione importante: l’acquisizione del modello della catena di montaggio, inventata qualche anno prima da John Ford. Durante il fascismo, invece, Mussolini proibì l’esportazione all’estero, ma la produzione interna crebbe.

120 anni di FIAT: storia dell'automobile italiana attraverso tre secoli
Quattro modelli di Fiat: 3 1/2 HP e 500 Topolino (sopra); 1500 6C e Nuova Balilla 1100 (sotto)

La produzione della casa automobilistica torinese crebbe sempre di più e vennero ideati e lanciati sul mercato modelli indimenticabili come la prima 500, conosciuta come Topolino, la 6 cilindri 1500, dall’innovativa linea aerodinamica ed accattivante, e la Nuova Balilla 1100. Ma ogni decennio si contraddistingue per un determinato modello: gli anni ’80, per esempio, sono caratterizzati dalla Panda e dalla Uno, mentre il modello più popolare degli anni ’90 era la Punto. Oggi la FIAT offre una gamma di automobili prevalentemente di dimensioni piccole e medie e dalla linea razionale come la Bravo, la Tipo, l’efficiente Punto e, ovviamente, l’intramontabile 500, una delle macchine simbolo dell’azienda torinese.

120 anni di FIAT: storia dell'automobile italiana attraverso tre secoli

© riproduzione riservata