L’eterno presente? La pernacchia speciale a tutti gli uguali; il Natale 2016 passiamolo pensando oggi il da farsi per loro domani

@LucaGalvani

L’eterno presente è l’atmosfera atemporale dove tutto è immobile e afferrabile, dove tutto si svolge solo se desiderato e nel tempo di uno schiocco di dita. Dove non esiste l’essere in ritardo e per giungere alla meta basta pensare il viaggio voluto. È la salita senza sforzo, l’orologio che infrange i consigli della logica, l’arrivo programmato dalla fantasia.

Leterno presente  è lamore raccontato dagli occhi dei nostri figli, amici, compagni nella condizione libera ed eterna della disabilitàdagli occhi distratti nel quotidiano, dal pensiero differente che non sappiamo cogliere finché impegnati per plasmarlo su ciò che sappiamo per rendercelo comprensibile. L’eterno presente è l’amore raccontato dalla pernacchia speciale e dal sorriso onesto dai nostri eterni ragazzi.

L'eterno presente: auguri di Natale per occhi speciali - punto&virgola

L’amore speciale? Il giro di Valtzer che ogni giorno impariamo a ballare accanto a loro

L’amore speciale è il giro di valtzer che ogni giorno impariamo a ballare accanto a loro, il passo di danza che ondeggia colui impegnato nel quotidiano e lieve sforzo di comprenderli; l’amore speciale è il quadro cubista visto e compreso ma da osservare meglio e sempre insieme, la fiducia ben riposta solo se guadagnata sul campo. L’amore speciale è il colore mai uguale a se stesso, l’effimero promosso ad essenziale perché pensato nel mondo capovolto.

L’amore speciale si gioca a dadi nel silenzio del non detto, nel dettaglio e tra le pieghe nascoste di una sillaba: il loro amore speciale non si racconta ma si fa raccontare, non si svela ma si lascia scoprire. È un compito nostro, una responsabilità civile, un’obbligo morale, un impegno etico.

I nostri auguri di Natale a loro. E a noi tutti

L'eterno presente: auguri di Natale per occhi speciali - punto&virgola

L’amore è anche questo e ti ci devi abituare; il “tempo perfetto per fare silenziotempo che sfugge, niente paura, che prima o poi ci riprende”

C’è un tempo negato e uno segreto
un tempo distante che è roba degli altri
un momento che era meglio partire
e quella volta che noi due era meglio parlarci.
C’è un tempo perfetto per fare silenzio
guardare il passaggio del sole d’estate
e saper raccontare ai nostri bambini quando
è l’ora muta delle fate.
C’è un giorno che ci siamo perduti
come smarrire un anello in un prato
e c’era tutto un programma futuro
che non abbiamo avverato.
È tempo che sfugge, niente paura
che prima o poi ci riprende
perché c’è tempo, c’è tempo c’è tempo, c’è tempo
per questo mare infinito di gente.
Fossati 2003

L'eterno presente: auguri di Natale per occhi speciali - punto&virgola

© riproduzione riservata

https://www.ilparmense.net/i-fratelli-di-ravarano-storia-di-natale-della-val-baganza/