Presso la Caserma “L. Manara”, sede del Comando Legione Carabinieri “Emilia Romagna”, ha avuto luogo una cerimonia per la consegna di encomi da parte del Comandante della Legione Generale di Brigata, Davide Angrisani. Presenti i Comandanti provinciali della regione, una rappresentanza di militari e una delegazione della rappresentanza militare.

La cerimonia ha avuto per protagonisti Carabinieri dell’Emilia Romagna premiati perché interventi a salvaguardia di vite umane nel corso di servizi d’Istituto, i Comandi Provinciali di Piacenza e Rimini per l’operato nel corso della pandemia e un’ufficiale medico dell’Arma che ha in più occasioni svolto, nel corso del lockdown, la propria attività a supporto dei militari ammalati della provincia di Lodi. Il Generale Angrisani, nell’occasione, ha espresso il suo personale compiacimento ai premiandi, sottolineando come il loro impegno e le loro azioni debbano essere d’esempio per tutti i carabinieri della Legione e si è raccomandato che il loro operato sia citato a modello per tutti i Carabinieri. Il Comandante ha concluso la cerimonia rivolgendo a tutti gli intervenuti l’augurio di buon lavoro per un sempre maggiore impegno nel servizio in favore della collettività.

Per la nostra provincia, encomio solenne all’appuntato scelto Roberto Spagnoli del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Borgo Val di Taro con la seguente motivazione:

Addetto a Nucleo Operativo e Radiomobile, non esitava a scendere sui binari ferroviari di una stazione per rimuovere delle transenne precedentemente scagliate da un uomo in stato di alterazione, riuscendo a spostare in zona di sicurezza, poco prima del passaggio di un convoglio che, nel transitare colpiva l’ultima barriera scaraventandola a diversi metri di distanza. Chiaro esempio di elette virtù civiche e non comune senso del dovere”.

©️ riproduzione riservata