Sabato 03 e domenica 04 ottobre torna la campagna “Caseifici Aperti”, durante la quale si potranno effettuare visite guidate gratuite a caseifici, magazzini di stagionatura e spacci; inoltre, saranno previsti eventi per bambini e degustazioni, il tutto promosso dal Consorzio del Parmigiano-Reggiano.

Dopo circa un anno dalla sua ultima edizione, i produttori di Parmigiano Reggiano riaccendono un barlume di speranza con questo appuntamento che è più un itinerario che porta alla scoperta della zona d’origine del Parmigiano Reggiano, delle sue terre ricche di storia, arte e cultura. Dopo il periodo difficile che molti produttori hanno dovuto affrontare, nonostante non abbiano mai smesso di lavorare per continuare a portare il Parmigiano Reggiano sulle nostre tavole, addirittura sperimentando la consegna a domicilio, finalmente anche i consumatori possono tornare a visitare gli stabilimenti.

Potranno anche assistere all’esperienza unica che è la nascita della forma, passeggiare nei suggestivi magazzini di stagionatura e acquistare il formaggio direttamente dalle mani di chi lo produce: è un viaggio nel tempo alla scoperta del metodo di lavorazione artigianale, rimasto immutato da oltre nove secoli. Il Parmigiano Reggiano oggi si produce ancora come nove secoli fa: con gli stessi ingredienti (latte crudo, sale e caglio), con la stessa cura artigianale e con una tecnica di produzione che ha subito pochi cambiamenti nei secoli, grazie alla scelta di conservare una produzione del tutto naturale, senza l’uso di additivi.

Per poter partecipare a Caseifici Aperti, e ricevere maggiori informazioni sulla lista dei caseifici aderenti, orari di apertura e attività proposte, è possibile collegarsi al sito www.parmigianoreggiano.com e accedere all’area dedicata. Le visite e le attività saranno organizzate osservando attentamente le norme sul distanziamento sociale e le misure anti-contagio.

© riproduzione riservata