Numerose le segnalazioni, registrate dai sindacati ma anche dalle amministrazioni comunali, di problemi negli uffici postali del territorio parmense, in particolare nella Bassa. “Le lunghe code – spiega in una nota il sindacato pensionati CGIL – creino particolare disagio alla popolazione anziana. Riteniamo inaccettabile che si obblighino persone fragili a sostenere tempi di attesa così lunghi, al freddo e in potenziale situazione di assembramento“. La richiesta a Poste Italiane è quella di indagare sulle ragioni del disservizio: carenza di personale o problema di contagi? Nel secondo caso CGIL chiede che i tempi di sanificazione degli ambienti siano il più celeri possibile, per garantire l’accesso in sicurezza agli utenti.

Lo Spi Cgil di Parma ribadisce l’essenzialità del servizio per tutta la popolazione, ma chiede anche che si presti maggiore attenzione alla fascia più anziana che mensilmente si reca in posta per il ritiro dell’assegno pensionistico. “Ci uniamo quindi all’appello dei sindaci del territorio, per una gestione più ponderata degli orari e giorni di apertura degli uffici in cui si sono presentate la maggiori criticità“.

© riproduzione riservata