Il

Presentato presso il Municipio nella giornata di sabato il programma eventi per l’anno 2021. Il Comune di Compiano, da sempre tra i più attivi delle valli Taro e Ceno nel proporre manifestazioni ed eventi culturali sul territorio, ha infatti riconfermato per quest’anno buona parate delle manifestazioni dell’anno precedente, non senza l’aggiunta di interessanti nuove proposte. Presenti in sala consigliare il sindaco di Compiano, Francesco Mariani, l’assessore Sara Tambini e la consigliera Comunale Grazia Rulli.

Siamo lieti di presentare alla cittadinanza compianese e non solo il progetto per l’anno 2021 riguardante fiere, manifestazioni ed eventi sul nostro territorio – ha commentato il sindaco Mariani – Un’occasione, questa, per ricordare come anche all’interno di un periodo ancora durissimo come quello che stiamo vivendo causa Covid 19 sia importante programmare e portare avanti tutte le attività culturali che da sempre caratterizzano il nostro territorio e ne fanno un modello ci comunità coesa e viva“. Tutte le attività in calendario e in via di definizione, ha continuato il sindaco, “rispetteranno, come nel 2020, tutti i protocolli di sicurezza e prevenzione attivi durante questo durissimo periodo di pandemia: per questo, ad oggi, ci siamo impegnati a programmare una lunga rassegna di eventi che consenta a tutti di partecipare in sicurezza alla manifestazioni e non avremo difficolta, a fronte di nuove direttive governative e regionali, a integrarle con le già presenti“.

Sempre per voce del sindaco, ancora, la descrizione di un documento datato 27 febbraio 1021, in cui si ha per la prima volta la citazione di “Campopalno“. Un documento concesso in riproduzione dai Principi Doria Pamphilj che ne custodiscono l’originale nei loro prestigiosi Archivi privati e che conferma la presenza millenaria di insediamenti dediti a mercati e attività comunitarie nel territorio oggi compianese.

La parola è poi passata all’assessore Sara Tambini, la quale ha ricordato anch’essa come, nonostante il 2020 sia stato “contraddistinto dal duro colpo inferto dal covid che ancor oggi siamo chiamati a gestire e contrare con tutte le nostre forze“, l’amministrazione non ha mai cessato di “lavorare anche sul profilo culturale con una visione programmatica anche per l’anno 2021“, ricordando anche l’impegno profuso lo scorso anno per portare a termine e garantire in totale sicurezza la rassegna programmata.

Alla consigliera Grazia Rulli, infine, il compito più importante: presentare cioè l’intera rassegna ad oggi stilata: “In aggiunta agli eventi tradizionalmente organizzati nel centro storico di Compiano, quali la festa del Santo Crocifisso, sagre nelle frazioni e altre serate musicali, si aggiungono al calendario estivo anche nuovi appuntamenti“, ha spiegato Rulli.

Si parte dal Convegno di studi relativo al documento del 27 febbraio 1021 su Campoplano e il suo mercato, in collaborazione con l’associazione Genius Loci fondata dalla famiglia Doria-Pamphili-Landi. In collaborazione con Consulta Emiliano Romagnoli nel Mondo, poi, il Festival Artisti di Strada e la Mostra emigrazione girovaga, nonché, in qualità di partner del Comune di Fornovo e all’interno del progetto triennale “Nuovi Mondi andata e ritorno”, uno Spettacolo teatrale con ballerini di tango, un Concerto di musica e canti legato all’emigrazione e un Convegno sulla vicenda migratoria delle Valli del Taro e Ceno. In collaborazione con il Club dei Borghi più belli d’Italia (di cui Compiano è socio fondatore), poi, la notte romantica nei borghi più belli d’Italia e un evento teatrale di prossima definizione. Attraverso Unione dei Comuni Valli Taro e Ceno, infine, eventi nell’ambito del Val Taro Ceno Music Festival.

Non meno importati, però anche due eventi in ambito civile: la dedicazione della Sala del consiglio del Comune di Compiano alla inviata di guerra Ilaria Alpi, compianese di origine paterna, con il posizionamento di una targa nello spazio verde del piazzale a lei già dedicato, oltre che alla commemorazione dell’eccidio di Compiano, Strela e Cereseto.

© riproduzione riservata