La Psicoterapia Sensomotoria considera il corpo come l’elemento centrale nell’ambito della valutazione e dell’intervento terapeutico

Emanuela Alfieri – Psicologa, Psicoterapeuta, PhD
Servizio di Psicologia Borgotaro
www.alfieriemanuela.com

DUE CHIACCHIERE CON LO PSICOLOGO | La psicoterapia Sensomotoria consiste in un approccio psicoterapeutico integrato in cui i principi della terapia orientata al corpo, delle neuroscienze e la teoria dell’attaccamento si uniscono in un composito ed efficace metodo di trattamento del trauma.

I progressi delle neuroscienze hanno fatto si che si ponesse attenzione al modo in cui la mente e il cervello elaborano le esperienze traumatiche, arrivando ad affermare che il trauma ha profondi effetti sul corpo e sul sistema nervoso e che molti dei sintomi presentati dai soggetti traumatizzati sono guidati a livello somatico.

La persona quindi ricorda i traumi passati attraverso la ri-esperienza sensomotoria delle iterazioni non verbali dell’evento traumatico e attraverso sintomi fisici apparentemente privi di basi organiche. La Psicoterapia Sensomotoria interviene quindi sulla fisiologia del trauma, sulla disregolazione del sistema nervoso. Il lavoro sul corpo facilita il processamento delle memorie implicite, modifica l’apprendimento procedurale e aiuta a regolare il sistema nervoso autonomo.

Come si struttura una psicoterapia Sensomotoria

La Psicoterapia Sensomotoria si attua mediante colloqui individuali in cui si aiuta il paziente traumatizzato a porre attenzione al corpo, seguire le sensazioni somatiche, ad avere consapevolezza dei movimenti corporei e mettere in atto azioni fisiche che favoriscano l’autoefficacia.

Nel corso delle sedute di psicoterapia il paziente viene incoraggiato a osservare e a essere consapevole della relazione che intercorre tra il corpo, le proprie convinzioni e le proprie emozioni e a notare come una propria auto-rappresentazione possa influenzare l’organizzazione fisica e come le parole e il contenuto da essa descritto nel qui ed ora della terapia, influenzino le sensazioni e i movimenti.

Il paziente imparerà a confrontarsi gradualmente con i ricordi traumatici, principalmente attraverso la componente sensomotoria, tenendola inizialmente disconnessa dalla dimensione emotiva e cognitiva. Questo metodo manterrà il paziente in una condizione di sicurezza psicofisiologica che lo porterà a confrontarsi, in modo diverso, con i ricordi post- traumatici.

Tali intervento aiuta a unificare il corpo e la mente nel trattamento dell’esperienza traumatica e offre al pazienti un ulteriore modalità di utilizzo del corpo.

http://www.sensorimotorpsychotherapy.org/

© riproduzione riservata