Secondo alcuni studi l'ultima mutazione del virus sarebbe più contagiosa: il database è continuamente aggiornato e la situazione monitorata

Secondo alcuni studi, riportati già nelle scorse settimane da alcune riviste scientifiche, è stato scoperto un nuovo ceppo più contagioso di Sars-Cov-2: al momento, secondo gli studi – tra cui anche uno italiano dell’Università Campus Bio-Medico di Roma, dell’Università Cattolica di Roma e dell’Università di Perugia – il ceppo sarebbe quello dominante. La variante D614G isolata e studiata in laboratorio è più contagiosa e presenta una piccola modifica alla proteina Spike, usata dal virus per penetrare nelle cellule.

La variante D614G di Covid-19 ha preso rapidamente il posto del ceppo dominante subito dopo la sua comparsa, con “un significativo spostamento nella popolazione virale dall’originale al nuovo ceppo del virus“, rilevato dall’analisi di diversi campioni a livello internazionale. In uno degli studi, pubblicato sulla rivista “Cell”, i ricercatori del Los Alamos National Laboratory nel New Mexico, della Duke University in North Carolina, e dell’Università di Sheffield hanno spiegato che “i dati forniti hanno suggerito che il nuovo ceppo era associato a maggiori carichi virali nel tratto respiratorio superiore dei pazienti con Covid-19, il che significa che la capacità del virus di infettare le persone potrebbe essere aumentata. Fortunatamente in questa fase, non sembra che i virus con la mutazione D614G causino malattie più gravi“.

Ormai è possibile tracciare l’evoluzione di Sars-CoV-2 a livello globale – spiegano – perché i ricercatori di tutto il mondo stanno rapidamente rendendo disponibili i loro dati sulla sequenza virale attraverso il database Gisaid. Attualmente sono disponibili decine di migliaia di sequenze e questo ci ha permesso di identificare l’emergere di una variante che è rapidamente diventata la forma dominante a livello globale“. I ricercatori sottolineano comunque che è necessario effettuare ulteriori analisi di laboratorio nelle cellule vive per determinare le implicazioni complete di questa mutazione.

© riproduzione riservata