Dal Genk al Parma: Dierckx è il primo 2003 ad esordire in Serie A
Credits Photo Parma Calcio

Nella lettura delle distinte pochi minuti prima dell’inizio della sfida tra Sassuolo e Parma, scontro valido per il diciottesimo e penultimo turno del girone di andata della Serie A, è stato inevitabile strabuzzare gli occhi di fronte alla presenza totalmente inaspettata di un giocatore classe 2003 nell’undici titolare di Roberto D’Aversa: al centro della difesa, infatti, falcidiata da diversi infortuni, l’allenatore appena rientrato sulla panchina emiliana dopo l’esonero del suo sostituto Liverani ha scelto di schierare a sorpresa Daan Dierckx, difensore classe 2003.

Le scommesse online segnalano come i grandi investimenti estivi del Parma e della nuova proprietà guidata da Kyle Krause abbiano in realtà portato più incertezze che certezze in seno alla squadra emiliana, arrivata all’undicesimo posto al termine della scorsa stagione. L’arrivo estivo di tanti giovani e tanti giocatori provenienti da campionati stranieri, per giunta molti di questi arrivati proprio sul gong della sessione di calciomercato, ha per ora costretto il Parma a essere pericolosamente coinvolto nella zona retrocessione: quasi arrivati alla fine del girone d’andata, il Parma è infatti penultimo, a pari merito con una squadra in grande difficoltà come il Torino, e a un solo punto di vantaggio sul Crotone ultimo classificato.

A dispetto della situazione pericolante, anche col subentrante D’Aversa si sta però replicando un apprezzabile sforzo nel voler puntare su questo nuovo ciclo di giovani: in occasione della partita con il Sassuolo, è stato il turno del difensore belga classe 2003 Daan Dierckx. Il centrale difensivo è stato schierato del tecnico per via delle numerose assenze che hanno falcidiato la retroguardia guidata dal portiere Sepe: contro i neroverdi di De Zerbi, infatti, mancavano all’appello Bruno Alves, Riccardo Gagliolo e anche il nuovo acquisto Osorio. In emergenza, il tecnico ha così puntato sul classe 2003 cresciuto nelle giovanili del Genk, uno dei settori giovanili più promettenti e floridi dell’intero panorama calcistico internazionale: De Bruyne e Koulibaly, ad esempio, sono i nomi di maggior calibro prodotti dal vivaio della squadra belga.

A conferma della bontà del lavoro della squadra belga, il difensore che ha ufficialmente firmato con il Parma nel dicembre 2020 ha subito regalato una prestazione di tutto rispetto. Di fronte a una squadra dallo spiccato potenziale offensivo, e contro un attaccante rapido, velenoso, prolifico e temibile come Ciccio Caputo, Dierckx si è subito fatto notare per compostezza e aggressività. Il belga è il primo 2003 a calcare i campi di Serie A, e di certo nella prima apparizione non ha dimostrato i tanti anni di differenza e l’inesperienza che lo separavano dai compagni di reparto e soprattutto dal tridente offensivo che ha dovuto fronteggiare.

Grazie anche alla prestazione del centrale belga, il Parma ha ottenuto un prezioso 1-1 in casa di una compagine che lotterà per l’Europa League e che ha concesso il pareggio solo per un ingenuo rigore regalato dagli emiliani nei minuti di recupero. Un punto che fa ben sperare ma che può e deve essere solo un punto di partenza per la risalità della squadra di D’Aversa e che ora può contare anche su Dierckx.

© riproduzione riservata