“De d’la da l’acqua – Gente d’Oltretorrente” è il progetto vincitore della call di Parma 2020+21 “Temporary Signs”, rivolta a giovani artisti italiani e internazionali under 35. L’artista foggiano Alessandro Tricarico ha utilizzato la fotografia e il video per raccontare un quartiere attraverso i suoi abitanti. Il muro farnesiano che affaccia sul torrente, nel tratto compreso tra Strada D’Azeglio e il ponte Verdi, è stato rivestito dai panelli cartacei che raffigurano i volti della comunità del quartiere Oltretorrente, dal quale il progetto prende il nome, e ne colgono le peculiarità. Una vera e propria “ricognizione antropologica” raccontata su carta, che si estende per 450 metri quadrati, esito della residenza artistica che Tricarico ha svolto nei mesi scorsi, entrando in confidenza con gli abitanti del quartiere, ascoltando e trascrivendo le loro storie – “metaforici mattoni” – che ne definiscono l’identità. 

© riproduzione riservata