draghi speranza

Prudente ottimismo e fiducia: con queste parole il presidente del Consiglio Mario Draghi ha aperto la conferenza stampa di oggi sui temi delle riaperture, scostamenti di bilancio e opere in cantiere dal Governo. Questa mattina si è svolta la Cabina di Regia che ha valutato di anticipare al 26 aprile il ritorno della zona gialla: “Ci sarà un cambiamento rispetto al passato – ha annunciato Draghi – caratterizzato dalla riapertura delle scuole in presenza di ogni ordine e grado nelle zone gialle e arancioni; e la predisposizione di spazi all’aperto per attività di ristorazione e culturale“. Il presidente Draghi ha sottolineato come il Governo abbia assunto un rischio, con questi nuovi provvedimenti: “Occorrerà una sensibilizzazione particolare di Enti Locali e Forze dell’Ordine – prosegue – affinchè possa essere garantito il controllo e il rispetto delle norme di prevenzione, che diventano fondamentali“.

E’ intervenuto anche il ministro della Salute Roberto Speranza che ha ripercorso la necessità delle misure prese in questi mesi, per far scendere la curva: “La maggioranza delle Regioni presenta un miglioramento del quadro epidemiologico; ad oggi l’RT è 0,85 ed è diminuzione“. Grazie a questi elementi “stiamo disegnando un percorso positivo, di natura graduale, che avrà come elemento prioritario la tutela e la salvaguardia della scuola. Il principio parte dall’evidenza scientifica del fatto che nei luoghi all’aperto c’è una difficoltà nel contagio, che si verifica di più al chiuso e questo ci permette di programmare ulteriori aperture“. Da entrambi è arrivato comunque l’invito a mantenere alta l’attenzione, al rispetto delle norme e al principio della cautela.

© riproduzione riservata