La Lega si prepara alla tornata elettorale di maggio e guarda al futuro: “Potremmo battere le roccaforti del centrosinistra; saremmo al fianco dei cittadini”

AMMINISTRATIVE 2019 | Sono trenta i comuni della provincia di Parma che saranno chiamati, nel maggio prossimo, ad eleggere i propri sindaci. In queste settimane partiti e coalizioni politiche stanno muovendo le ultime pedine per presentare i propri candidati e prepararsi ad una nuova campagna elettorale. 

Emiliano Occhi, segretario provinciale della Lega dal 2014, ha raccontato al nostro giornale il progetto che il partito di Matteo Salvini ha in serbo per il parmense e per i Comuni che si stanno preparando al voto. Tra i Comuni chiamati alle urne il prossimo maggio ci saranno anche alcuni territorio strategici ed importanti per la nostra provincia: Fidenza, NocetoLanghirano – solo per nominarne alcuni – ma anche Polesine Zibello, che esce da un commissariamento dopo le dimissioni di Andrea Censi

Fiera Millenaria di San Terenziano: a Isola di Compiano tornano festa e tradizione

La coalizione di centrodestra – ha affermato Occhi – vive un momento favorevole“. Alla luce dei risultati delle ultime elezioni nazionali dello scorso 4 marzo, infatti, il centrodestra ha ottenuto risultati importanti come testimoniato dall’elezione – alla Camera e al Senato – dei parlamentari della Lega. Uno scenario politico, dunque, che è profondamente cambiato rispetto a cinque anni fa e che ha visto – dall’Appennino alla Bassa – il centrosinistra perdere sostanziosi voti, con il Movimento 5 Stelle che è diventato di fatto la seconda forza politica. Il segretario della Lega è però sicuro che “specie nei Comuni piccoli, il nome dei candidati è ancora determinante e farà la differenza; mentre più il Comune cresce come dimensione più il voto di partito cresce di importanza“. 

“In montagna le criticità maggiori; possibilità di vittoria anche nei paesi storicamente amministrati dal centro sinistra” 

Appennino, Pedemontana e Bassa: per il segretario del Carroccio “c’è da invertire la rotta e l’autonomia regionale, da sempre richiesta dalla Lega, potrebbe essere la giusta soluzione“. Diverse le criticità che il partito di Matteo Salvini, che amministra già comuni come Traversetolo, Fontevivo, Varano de’ Melegari e Busseto, ha rivelato sul territorio provinciale. “In montagna – prosegue Occhi – il dissesto idrogeologico coinvolge strade ed infrastrutture, con una carenza cronica di investimenti. Manca un progetto coerente di sviluppo del territorio che faccia convergere insieme agricolturaturismoattività produttive“. Tra le maggiori esigenze e criticità della pianura e della fascia pedemontana, invece, la Lega mette in evidenza la situazione della Massese le problematiche dei ponti sul Po e, più in generale della sicurezza stradale

Infine un tema scottante, che coinvolgerà probabilmente alcune amministrazioni in un progetto a lungo termine: l’Unione dei Comuni. In questa tornata elettorale voteranno, per la prima volta insieme, i cittadini di Sorbolo-Mezzani; mentre quelli di Polesine-Zibello e Sissa-Trecasali rinnoveranno la loro unione già effettiva da tempo. Al referendum di qualche mese fa, però, sono arrivati risultati negativi dalla fusione di Colorno-Torrile: “Il tema delle fusioni – spiega Occhi – deve essere affrontato consultando i cittadini e non imponendo decisioni dall’alto. Le unioni funzionano se c’è piena condivisione tra gli Enti, altrimenti non hanno senso. Ecco perchè alcune fusioni in provincia sono fallite: invece che ottimizzare l’attività amministrativa sono diventate nuovi centri di spesa improduttiva“. 

Riteniamo – conclude il segretario leghista – di avere buone possibilità di vittoria in alcuni dei Comuni che sono storicamente amministrativi dal centrosinistra. Su un punto, in particolar modo, la Lega e i suoi candidati sindaco, batteranno il chiodo: “Saremo vicini alle amministrazioni locali, ai cittadini e al mondo produttivo. I nostri sindaci hanno già dimostrato di essere pragmatici e incisivi nel risolvere problematiche che impattano direttamente sulla vita delle persone“.

© riproduzione riservata