Divieto di accesso dei cani alle aree verdi pubbliche e obbligo di raccolta delle deiezioni: i trasgressori saranno puniti con multe fino a 250€

FELINO | L’Amministrazione richiama i cittadini al rispetto del “Regolamento per la tutela e il benessere degli animali e per una migliore convivenza con la collettività umana”. Sono state riscontrate, infatti, diversi illeciti riguardanti in particolare la presenza di escrementi di animali all’interno dei parchi pubblici. Ecco le aree che sono interdette all’ingresso dei cani. 

In seguito ad alcuni episodi spiacevoli registrati nei parchi e nelle aree pubbliche del Comune di Felino, l’Amministrazione ha emesso un’ordinanza per ricordare ai cittadini i divieti e le sanzioni in cui possono incorrere in caso di non ottemperanza al “Regolamento per la tutela e il benessere degli animali e per una migliore convivenza con la collettività umana“. L’introduzione dei cani nelle aree gioco e nelle aree cortilizie delle scuole può infatti pregiudicare l’incolumità e la salute dei bambini e causare disagi nella fruizione delle aree verdi. 

I proprietari dei cani, o color che anche temporaneamente ne hanno la custodia, non possono accedere alle aree cortilizie degli asili comunali “La Rondine” e “Arcobaleno” e in quelle dei plessi scolastici “Don Minzoni”, “Leo Lionni”, “Rita Levi Montalcini” e “Solari”. Inoltre sono vietati all’accesso dei cani i parchi gioco De Amicis, via Calestano, via XX Settembre, via Roma, Parco Natura e Vita, Parco Collodi, Parco Corte Castello, Parco Chaplin, Parco Rodari di S.Michele Tiorre, Parco Salgari di S.Michele Tiorre, Parco Piazza Battisti al Poggio Sant’Ilario, Parco Pio La Torre al Poggio di Sant’Ilario, Parco Andersen e Parco Villa Guidorossi. 

Inoltre vige l’obbligo di raccogliere gli escrementi prodotti dagli animali su tutte le aree pubbliche o di uso pubblico e metterli all’interno degli appositi cestini stradali. Per chi non rispetta le regole è prevista una sanzione amministrativa di 100,00euro che aumenterà a 250,00euro se il trasgressore è recidivo. Per coloro che non raccolgono le deiezioni dell’animale sarà applicata una sanzione di 50,00euro. I controlli saranno effettuati dalla Polizia Locale Pedemontana Parmense e dalle Guardie Ecologiche GELA.

© riproduzione riservata