Indagine notturna dei Ghost Hunters di Roma alla Rocca di Fontanellato: “Due giovani presenze si aggirano tra il salone e il sottotetto”

FONTANELLATO | Nei giorni scorsi i Ghost Hunters del Giap di Roma hanno fatto visita alla Rocca di Fontanellato per indagare sulle misteriose presenze e sui fatti anomali accaduti tra la fine del 2018 e l’inizio del 2019. I Ghost Hunter hanno effettuato un’indagine notturna insieme a due guide del Castello che gli hanno raccontato i vari episodi accaduti nelle ultime settimane. 

All’interno della sala dei quadri è stata posizionata una telecamera fissa full spectrum con un geofono in grado di percepire passi e vibrazioni del pavimento in un raggio di circa cinque metri. “Dopo aver superato la sala del biliardo – afferma Paolo Pulcini del Giap di Roma – un nostro operatore notava sulla termocamera strane sfere di calore muoversi nell’aria; in cortile un altro scatto cattura una figura come affacciata ad osservarsi da una delle finestre dei piani più alti“. 

A quel punto i Ghost Hunters sono saliti nel sottotetto dove hanno rilevato strani rumori e sensazioni: “A telecamere spente – continua Pulcini – abbiamo sentito una voce di bambina dire ‘mamma‘. Unita alla foto della finestra ci induce a pensare che la piccola figura si possa riferire ad una bambina“. Nell’analisi del materiale, terminata l’indagine, è emersa anche un’altra fotografia che mostra una figura ferma, sul metro e venti, tra il salone e la sala dei piatti. “È chiaramente visibile – spiegano i Ghost Hunters – e la sua ombra si riflette sul pavimento. Inoltre abbiamo rilevato ancora rumori forti registrati dal geofono“. 

La conclusione del gruppo romano è chiara: “C’è qualcosa di anomalo. Molto probabilmente è riconducibile ad almeno due giovani presenze che si aggirerebbero tra le zone comprese tra il grande salone e la sala del clavicembalo, ma anche nel sottotetto“.

Foto Credits: Castelli del Ducato 

© riproduzione riservata