La parlamentare parmigiana Cavandoli: “Vogliamo tramandare alle nuove generazioni i valori incarnati dal Corpo degli Alpini”

È stato stabilito che il 26 gennaio di ogni anno cadrà la “Giornata nazionale della memoria e del sacrificio alpino”, approvata oggi dalla Camera dei Deputati con larghissima maggioranza e fortemente richiesta già da tempo dall’Associazione Italiana Alpini. Scopo principale dell’iniziativa è quello di ricordare la battaglia di Nikolajewka, combattuta dagli Alpini il 26 gennaio 1943 e grande esempio di valori quali il senso del dovere e lo spirito di sacrificio, dimostrati da tutti gli Alpini senza distinzioni di grado e origine.

“Anche gli Alpini avranno la loro giornata nazionale, istituita al fine di tramandare alle nuove generazioni i valori che il Corpo degli Alpini incarna, soprattutto la difesa della sovranità e dell’interesse nazionale e l’etica della partecipazione civile, della solidarietà e del volontariato” commenta Laura Cavandoli, parlamentare parmigiana della Lega, riprendendo l’art. 1. “Gli Alpini – continua la Cavandoli sono stati tanto valorosi in guerra, quanto presenti in tempo di pace e in ogni situazione avversa. Per questo sono amati da tutti gli italiani”.

Fiera Millenaria di San Terenziano: a Isola di Compiano tornano festa e tradizione

L’art. 3 non prevede per questa Giornata la chiusura degli uffici pubblici, i quali dovranno comunque esporre il tricolore. Tuttavia, data la grande importanza educativa, culturale e sociale che la Giornata riveste, l’art. 4 assegna agli istituti scolastici di ogni tipo la possibilità di organizzare e promuovere iniziative per celebrare la Giornata stessa. Valori come la difesa della sovranità, lo spirito di sacrificio, la solidarietà, il coraggio e l’impegno civile, dunque, non saranno dimenticati.

© riproduzione riservata