La nostra società è sempre più globalizzata, ed è fondamentale per i ragazzi conoscere altre lingue e interfacciarsi con altre culture, così da non essere colti impreparati nel caso in cui dovessero fare viaggi per esigenze universitarie o lavorative. In quest’ottica, i viaggi studio offrono un ottimo strumento per abituarsi alla vita all’estero, imparare a vivere da soli e acquisire un po’ di indipendenza. Oltre all’utilità pratica, si tratta di esperienze indimenticabili, ideali per vivere un’estate alternativa insieme ai propri coetanei. Inoltre, non è raro che i rapporti instaurati durante questi viaggi durino per tutta la vita

Tuttavia, prima di partire per un viaggio studio è necessario informarsi bene su quali sono i requisiti per partire e organizzarsi a livello logistico su trasporti e alloggio. 

Se devi partire per un viaggio studio e né tu né i tuoi genitori avete idea di come prepararvi, leggi questa guida sulle cose che bisogna assolutamente sapere prima della partenza.

Documenti necessari per viaggiare

La prima cosa da fare prima della partenza è controllare di avere tutti i permessi necessari per andare in un determinato Stato. Questo controllo dovrebbe essere eseguito con un certo anticipo, considerando che possono passare anche diversi mesi dalla richiesta all’ottenimento dei documenti. Solitamente, è necessario essere muniti di passaporto o visto in base allo Stato che si vuole visitare. Ogni Stato ha regole diverse, dunque informati per quanto riguarda il tuo caso specifico. A incidere sul tipo di documento richiesto è sia la motivazione del viaggio che la durata della permanenza. 

Passaporto

Se si vuole viaggiare dall’Italia a uno dei paesi dell’Unione Europea o appartenenti allo spazio Schengen il passaporto non è necessario. Tuttavia, esso è obbligatorio in ogni altro caso. Considerando che la maggior parte dei viaggi studio hanno come destinazione il Regno Unito e in particolare l’Inghilterra, è bene ricordare che per andare in queste località è necessario essere muniti di un passaporto a causa della Brexit. 

Visto

Per i paesi in cui è più comune fare viaggi studio, come Regno Unito e Stati Uniti d’America, non è necessario essere muniti di visto per permanenze brevi. In particolare, è sufficiente il passaporto per una permanenza di meno di 6 mesi nel Regno Unito e di meno di 90 giorni negli Stati Uniti. Solitamente i viaggi studio durano tra le due e le quattro settimane, quindi è molto probabile che non avrai bisogno di richiedere alcun visto. Tieni però a mente che alcuni paesi ne richiedono uno all’arrivo, quindi assicurati sempre di ricercare informazioni approfondite.

Nel caso in cui ne avessi bisogno, il visto si può solitamente chiedere sul sito dell’ambasciata o del consolato dello Stato

Consigli pratici per la partenza

Una volta che si hanno tutti i documenti, bisogna pensare a come attrezzarsi per il viaggio. 

Una cosa fondamentale da fare è controllare quale sia la moneta utilizzata nello Stato in cui si intende viaggiare. Solitamente è possibile convertire i propri euro in altre valute come le sterline direttamente da una banca o posta italiana. 

Usare una carta di credito è sicuramente il modo più semplice di effettuare pagamenti, poiché non è necessario fare alcuna conversione.

Assicurati poi di portare degli abiti che siano adatti al clima dello Stato in cui andrai. Un errore molto comune è credere che troveremo le stesse condizioni meteorologiche del luogo da cui siamo partiti. Preparati a ogni evenienza e controlla il meteo a poco tempo dalla partenza, così da avere dati aggiornati. 

In alcuni stati c’è bisogno di adattatori per le prese di corrente, quindi informati a riguardo per evitare di dover poi acquistare un nuovo caricatore.

Infine, ricorda di portare tutto ciò che ti serve per la cura dell’igiene personale, come una quantità adeguata di biancheria intima e cosmetici vari. Nonostante siano tutte cose che puoi ricomprare all’estero, avrai perlomeno risparmiato dei soldi

Se vuoi dei consigli più specifici per partire per Londra, puoi consultare questa guida.

Presta attenzione agli aspetti logistici

Molto spesso, nel caso dei viaggi studio il trasporto, l’alloggio e l’itinerario è gestito dall’agenzia che gestisce il viaggio. Tuttavia, può capitare che sia necessario muoversi personalmente per cercare delle soluzioni. 

Informati in anticipo sui costi dei trasporti nel paese in cui vorrai andare, e soprattutto controlla quali sono le applicazioni necessarie per acquistare i biglietti e controllare gli orari. In questo modo ti farà più facile acquistare i biglietti giusti rispetto a cercare biglietteria che li vende in giro per il paese. Considera anche la possibilità di fare un abbonamento. In molti casi, soprattutto per i viaggi lunghi e in cui dovrai spostarti molto con i mezzi pubblici, può portare un gran risparmio. 

Probabilmente, nella tua vacanza studio soggiornerai in un college o presso una famiglia, quindi non dovrai preoccuparti di cercare un albergo. 

Anche l’itinerario è spesso deciso dall’organizzatore, e non dai singoli partecipanti. A volte, però, ci sono dei momenti di libertà in cui puoi fare ciò che vuoi. Cerca di pianificare e organizzare al meglio questi momenti, così da avere sempre qualcosa di bello da fare. 

Non sottovalutare le testimonianze

Le testimonianze dei ragazzi che hanno già fatto un viaggio all’estero negli anni passati, magari nello stesso paese in cui vuoi andare tu, sono fondamentali. Nessuno può darti consigli migliori di una persona che ha vissuto l’esperienza sulla propria pelle. Chiedi informazioni sui documenti necessari, sugli aspetti burocratici da tenere sotto controllo e sulle cose che potrebbe essere utile portare. Queste testimonianze, inoltre, possono aiutarti a capire se la meta che hai scelto è quella giusta per te o meno. Un viaggio studio che sulla carta sembra perfetto può nascondere dei lati negativi, ed è molto meglio stanarli prima di partire che durante il viaggio

In questa guida ti abbiamo detto tutto ciò che devi sapere prima di partire per un viaggio studio. È importante preoccuparsi in anticipo di risolvere gli aspetti burocratici e di essere in possesso di tutti i documenti necessari, nonché di sapere con precisione ciò di cui avrai bisogno durante la permanenza. Adesso che hai tutte le informazioni necessarie, non ti resta che metterti all’opera per pianificare il tuo soggiorno all’estero.

© riproduzione riservata