Il Parma torna al Picco di La Spezia: il pensiero al 18 maggio 2018 con una voglia matta di tornare a vincere

Quasi tre anni dopo quella splendida serata di Primavera il Parma torna a giocare al Picco di La Spezia contro la squadra ligure. Era il 18 maggio 2018, in palio c’era la promozione in Serie A senza passare dai Playoff. Con l’aiuto del Foggia (il gol di Floriano allo scadere contro il Frosinone) e le reti di Ceravolo-Ciciretti, i crociati volano nella massima serie dopo una grande scalata dai Dilettanti. Oggi la situazione è ben diversa. Il Parma ha una nuova proprietà ma ha un piede in Serie B e si trova ad affrontare la neopromossa Spezia. La situazione è diversa anche negli stadi, dove il Covid non lascia scampo da un anno esatto dalla chiusura degli stadi al pubblico. Quello del Picco sarebbe stato un match caldissimo anche sugli spalti, dopo il gemellaggio rotto tra le due tifoserie nel 2007.

Sabato pomeriggio c’è una posta in gioco davvero importante, come un’ultima spiaggia per i Ducali e una conferma per i padroni di casa. Se lo Spezia vince praticamente manda il Parma in B. Al contrario, un risultato positivo del Parma potrebbe dare inizio ad una miracolosa scalata. La verità è che la vittoria alla squadra di D’Aversa manca da ormai troppo tempo, sia al Tardini che fuori. Sabato c’è l’occasione di battere una neopromossa e dopo aver perso già a Crotone prima di Natale, il Parma vuole rifarsi e cambiare marcia. Da Spezia a Spezia, tre anni dopo. Una Serie A conquistata e una Serie A che traballa. Il pensiero va al 18 maggio 2018, con il boato del settore ospiti che rimbomba ancora nelle orecchie dei tifosi. Con la testa c’è la voglia matta del Parma di tornare alla vittoria.

© riproduzione riservata