Dopo le tre promozioni consecutive, ora i tifosi gialloblù possono sognare l’Europa League: l’ultima nel 1999 con Malesani 

SCALATA PARMA E SOGNO EUROPA | Correva il 19 Marzo 2015 ed il Parma Calcio, gestito dalla coppia Ghirardi-Leonardi, a seguito di gravi problemi finanziari si vedeva costretto a dichiarare fallimento. Quel giorno, in pochi, se non nessuno, avrebbero potuto immaginare che a distanza di poco più di tre anni i Crociati sarebbero riusciti a giocare nuovamente un campionato di serie A ed a farlo da protagonisti. Il Parma, invece, è rinato e l’ha fatto portando a casa ben tre promozioni consecutive, dalla serie D alla serie C, dalla serie C alla serie B e dalla serie B alla serie A, un’impresa che non era mai riuscita a nessun’altra società nella storia del calcio italiano.

Il punto sulla stagione dei Crociati

L’obiettivo stagionale del nuovo Parma era senza ombra di dubbio il raggiungimento di una salvezza tranquilla. Nel mercato estivo la società ha deciso di investire in modo deciso e di portare alla corte di mister D’Aversa diversi giocatori di grande esperienza e di grande talento, che sono riusciti a calarsi sin da subito nel nuovo contesto.

Fiera Millenaria di San Terenziano: a Isola di Compiano tornano festa e tradizione

Non è un caso, pertanto, che in questo inizio di stagione i nuovi arrivati siano stati i giocatori più determinanti per le sorti degli emiliani: il portiere Sepe, giunto dal Napoli, ha dimostrato di essere uno dei migliori della categoria, il difensore portoghese Bruno Alves ha messo la propria esperienza a disposizione di Gagliolo e Bastoni ed i tre hanno formato uno dei reparti difensivi più solidi della massima serie. Inglese e Gervinho, dal canto loro, stanno letteralmente trascinando i Crociati a suon di goal e di assist. Non è un caso, pertanto, che ad oggi il Parma, grazie ai 28 punti conquistati, si trovi a sole cinque lunghezze di distanza dal sesto posto occupato dalla Sampdoria e che, dando un’occhiata a quanto riportato su https://www.betfair.it/sport/football, sia tra le favorite per la conquista di un posto in Europa. La sensazione è che, puntellando la squadra con qualche acquisto di spessore, i ragazzi di mister D’Aversa possano realmente puntare a qualcosa di importante.

La lotta per la conquista dell’Europa League

Il Parma e la Coppa UEFA, oggi Europa League, hanno avuto nel corso della loro storia un rapporto speciale. Era il 1999 e la squadra crociata, allenata da Malesani e composta da fenomeni assoluti, riusciva a portarsi a casa la seconda competizione per club più importante d’Europa. In questa stagione, dato il promettente inizio di campionato, l’obiettivo “salvezza tranquilla” ha ceduto il posto a qualcosa di più ambizioso e oggi il Parma si trova in lotta per la conquista del sesto posto che garantirebbe il ritorno in una coppa europea. Sono diverse, infatti, le squadre che sembrano essere in gioco quantomeno per la qualificazione all’Europa League: Atalanta, Sampdoria, Lazio, Torino, Fiorentina, Roma, Milan e Parma sono tutte racchiuse nel giro di pochi punti e sono pronte a darsi battaglia senza esclusione di colpi sino all’ultima giornata.

© riproduzione riservata