Il rapace, una specie protetta, è stato curato nel Centro Recupero Rapaci di San Polo; Pizzarotti: “Grazie alla professionalità dei veterinari”

E’ finalmente libera l’Aquila dei Serpenti trovata un mese fa nel Parco della Cittadella, ferita e confusa. Il rarissimo rapace, una specie protetta conosciuta anche come Biancone, è stato ribattezzato con il nome di Parma ed è stato lasciato libero in località Guardasone, Traversetolo.

E’ difficilissimo avvistare un’Aquila dei Serpenti nei cieli di Parma ma lo scorso giugno un esemplare di questo rapace era stato individuato in Cittadella, salvato dall’associazione nazionale Polizia di Stato e affidato alle abili mani dei veterinari del Centro Rapaci di Parma, un centro di recupero di uccelli esotici situato a San Polo D’Enza.

Il sindaco di Parma, Federico Pizzarotti, commenta così il momento in cui l’aquila ha spiccato il volo riconquistando la libertà: “Il momento della liberazione del rapace è toccante: è consapevole di riguadagnare la propria libertà. Ringrazio di cuore per l’ottimo lavoro e la professionalità dimostrata l’associazione nazionale Polizia di Stato, i veterinari del Centro Rapaci e tutte le persone che hanno permesso a questo bellissimo e raro rapace di sopravvivere e tornare a volare. Parma è anche questo: attenzione e cura per l’ambiente e al suo ecosistema“.

© riproduzione riservata