Il gruppo Legambiente dell’Alta Valtaro organizza un evento sull’ecologia dei fiumi: appuntamento venerdì 15 marzo in Sala Imbriani a Borgotaro

La Valtaro si mobilita in favore dell’ambiente in occasione del primo sciopero globale per il clima. La manifestazione, indetta dall’attivista sedicenne Greta Thunberg, avrà luogo in 40 paesi e più di 500 città. Non ci sarà un corteo tra i borghi dell’Appennino, ma il gruppo Legambiente Valtaro ha deciso di aderire all’evento dedicato al contrasto dei cambiamenti climatici. Lo farà con una relazione tenuta dal dottor Alex Laini dell’Università di Parma dal titolo “Fiumi senz’acqua: ecologia dei torrenti appenninici in un clima che cambia” .

I fridays for future, nati dalla protesta della quindicenne Greta Thumberg in occasione della COP24, e la manifestazione del 15 marzo, Global Strike For Future, rappresentano una grande occasione per farci sentire e portare l’emergenza climatica in primo piano“. Questo quanto si legge nella presentazione dell’evento del prossimo 15 marzo, che si terrà in Sala Imbriani a Borgotaro alle 20.45. Il fulcro dell’intervento sarà dedicato ai corsi d’acqua intermittenti, cercando di capire cosa succede all’ecosistema quando questi si seccano. L’inverno, infatti, è stato particolarmente siccitoso, con fiumi e corsi d’acqua che stanno già soffrendo per la carenza idrica.

Come mitigare fenomeni apparentemente irreversibili?

Durante l’incontro di venerdì, i partecipanti potranno scoprire come i cambiamenti climatici e l’uso dell’acqua da parte dell’uomo stiano intensificando i fenomeni d’intermittenza dei corsi d’acqua. Sarà anche l’occasione per rispondere ad una domanda: “Cosa possiamo fare per mitigare gli effetti di questi fenomeni apparentemente irreversibili?“. Gli ecosistemi rispondono in modo ingegnoso alle emergenze, sarà quindi l’occasione per capire quali strategie utilizzino piante e animali per sopravvivere in mancanza d’acqua.

© riproduzione riservata