Diramata allerta meteo dalla Protezione civile: temperature estreme in tutta la Provincia di Parma fino alla mezzanotte di mercoledì; da giovedì di nuovo neve

ALLERTA METEO | La Protezione civile ha diramato un’allerta meteo per le giornate di domani e mercoledì. Sono previste temperature estreme con minime tra -14 e -9 gradi, soprattutto per quanto riguarda l’Appennino occidentale. Nelle aree di pianura la colonnina di mercurio non dovrebbe scendere sotto i 6 gradi centigradi.

La depressione di origine polare che ha investito gran parte dell’Italia, portando la neve addirittura sopra i tetti di Roma, continuerà ad imperversare per tutta la settimana. Le temperature estreme interesseranno la pianura fino a mercoledì: infatti, sono previste gelate in tutta la Provincia con temperature costantemente sotto zero. Le criticità maggiori interesseranno le aree in gli accumuli di neve persistono al suolo, pertanto Protezione civile e autorità competenti hanno invitato la popolazione a prestare la massima attenzione. A partire dalla giornata di giovedì, tutta la Regione Emilia Romagna potrebbe essere interessata da nuove precipitazioni nevose.

Il Comune di Parma per far fronte al drastico calo delle temperature ha attivato l’accoglienza per persone senza fissa dimora. “A fronte dell’abbassamento delle temperature delle ultime ore anche nella nostra città, accanto alle strutture del Comune di Parma già presenti sul territorio sono stati attivati ulteriori spazi. Questo è stato possibile anche grazie alla disponibilità di associazioni quali Svoltare Onlus, Associazione S. Giuseppe e Caritas che hanno messo a disposizione  di chi ne avesse bisogno spazi all’interno di strutture di loro proprietà“, ha spiegato l’assessore al Welfare, Laura Rossi.

Solo nella notte di domenica sono state inserite in emergenza 12 persone. In questi giorni saranno tanti i volontari delle diverse realtà associative (Assistenza Pubblica, Caritas, Comunità Sant’Egidio, La Ronda del cuore, City Angels) che presidieranno il territorio cittadino e che indirizzeranno le persone verso la rete di accoglienza.

© riproduzione riservata