Diverse novità accompagneranno l’edizione 2020 della Mille Miglia. A partire dal numero di auto in gara, che diminuiscono per questioni di sicurezza. Come annunciato in conferenza stampa, infatti, le vetture al via saranno 400. Oltre a garantire una maggiore sicurezza, si è pensato fosse necessario ridurre i veicoli anche per garantire un qualità dei servizi più alta. I 400 equipaggi accettati alla gara sono stati scelti tra le iscrizioni provenienti da 33 Paesi. Quello più rappresentato continua ad essere l’Italia con il 30% di partecipanti ammessi. I Paesi Bassi si trovano al secondo posto, con il 17% degli accettati, seguiti da Germania (11%) e Regno Unito (9%).

La 1000 Miglia prenderà il via da Brescia mercoledì 13 maggio per farvi ritorno sabato 16, dopo le tappe di Cervia, Milano Marittima, Roma e Parma, passando per Milano. Nella nostra provincia le auto in gara transiteranno per il Passo della Cisa, Varano de’ Melegari e naturalmente il centro storico di Parma, Capitale italiana della Cultura 2020. La giornata conclusiva di sabato 16 maggio vedrà i passaggi da Salsomaggiore Terme, Castell’Arquato, Cernusco sul Naviglio, recentemente nominata Città Europea dello Sport 2020, Milano e Bergamo, prima di raggiungere la pedana di arrivo di Viale Venezia a Brescia, dove tutto ebbe inizio 93 anni fa, con la prima Coppa delle 1000 Miglia.

L’edizione della 1000 Miglia 2020 sarà ricca di novità e certamente non tradirà quel sentimento di meraviglia e profonda emozione che gli italiani da sempre riservano ai gioielli in gara e a chi ha la capacità di condurli“, ha dichiarato Franco Gussalli Beretta, Presidente di 1000 Miglia Srl.

© riproduzione riservata