Oggi, 2 aprile, i monumenti di tutto il mondo si tingeranno di blu in occasione della Giornata Mondiale per l’Autismo

Una giornata di informazione e sensibilizzazione sul Disturbo dello Spettro autistico, un’occasione per conoscerne i tratti e promuovere l’inclusione delle persone che ne soffrono. È oggi, 2 aprile 2019, la Giornata Mondiale per l’Autismo (World Autism Awareness Day) appuntamento che vedrà i monumenti di tutto il mondo colorarsi di blu in segno di partecipazione all’iniziativa internazionale.

Indetta dall’Onu nel 2008, questa giornata vuole riportare l’attenzione su uno dei più importanti disturbi pervasivi dello sviluppo, gruppo in cui rientrano la Sindrome di Asperger, Rett, il Disturbo Pervasivo dello Sviluppo Non Altrimenti Specificato e il Disturbo Disintegrativo dell’Infanzia. Nell’autismo gli effetti generati da uno sviluppo alterato del cervello si manifestano con problemi di interazione sociale e comunicativi, comportamenti ripetitivi e disabilità intellettive e motorie. I primi segnali del disturbo sono riconoscibili già intorno ai due-tre anni di età.

Per la cura dell’autismo non esistono trattamenti definitivi, per questo è molto importante una diagnosi tempestiva in modo da garantire un intervento in grado fin dai primi anni dell’infanzia di garantire una buona qualità di vita. Se le cause del disturbo non sono ad oggi ancora note, si stima che un bambino su 68 soffre di sindrome dello spettro autistico per una crescita decuplicata negli ultimi 40 anni.

In occasione di questa giornata, il centro Ausl di Parma organizza un open day in cui la struttura di via La Spezia 147 resterà aperta dalle 9.00 alle 18.00 ospitando varie iniziative con professionisti a disposizione di chi vorrà visitare il Centro e conoscere le attività svolte con bambini e ragazzi che soffrono di disturbi dello spettro autistico. Saranno presenti alcuni alunni della scuola Corazza che svolgeranno una particolare tecnica di giardinaggio, sarà proiettato un video alle 16.30 che riguarda il pattinaggio, “sport riabilitativo”, e sarà presente lo chef Fabio Romani, che cucinerà e pranzerà con quattro ragazzi del progetto PranziamoInQuartiere.

© riproduzione riservata