Cresce il numero di aziende che registrano una diminuzione delle vendite rispetto agli anni precedenti; ecco i numeri registrati dal Ascom

PARMA | Come di consueto, il Centro Studi Ascom ha realizzato la propria indagine vendite volta a monitorare l’andamento dei consumi nelle settimane che precedono il Natale, quest’anno con particolare attenzione anche al weekend dell’Immacolata e all’iniziativa del Black Friday di fine novembre.

L’indagine, condotta su un significativo campione di aziende di Parma e provincia, ha evidenziato, rispetto allo stesso periodo del 2017, vendite stabili per il 47% degli intervistati, in diminuzione per il 45% e in aumento per il restante 8%.

Natale 2018: come cambia la spesa dei parmigiani durante le feste

Come evidenziato dai dati – ha commentato Claudio Franchini, Direttore Ascom Parmal’andamento è per lo più stabile ed in linea con il trend registrato negli ultimi anni. Tuttavia quest’anno appare in aumento la percentuale di coloro che registrano vendite in diminuzione: una tendenza imputabile per lo più al Black Friday le cui vendite, seppur concentrate in un solo weekend, hanno di fatto rallentato l’andamento delle successive due settimane come confermato anche dal weekend dell’Immacolata che ha registrato vendite in calo per la maggior parte degli intervistati.” “Nonostante gli acquisti abbiano registrato un picco in occasione del Black Friday – conclude Franchinie le vendite nei periodi immediatamente successivi siano diminuite, le aspettative per l’ultima settimana che precede il Natale sono invece positive per 30% degli intervistati”.

Sul fronte dei comportamenti di acquisto, nonostante l’ormai consolidata attenzione al prezzo, l’andamento degli acquisti nel periodo pre-natalizio ha comunque premiato la qualità dei prodotti, segnalando così un cambiamento nel comportamento della clientela: si torna a cercare il prodotto di marca o alla moda (lo indica il 47% degli intervistati). Tra i regali più acquistati, ai primi posti: prodotti alimentari, in particolare quelli artigianali e ceste natalizie; nell’abbigliamento la maglieria; nei beni per la persona profumi, articoli di bigiotteria e accessori.

© riproduzione riservata