sotterranei piazza

Ideato da ArcheoVea, impresa culturale, con il coinvolgimento dell’Azienda Agraria Sperimentale Stuard, di IRETI/IREN, sotto il coordinamento del Comune di Parma, tra i progetti di Parma Capitale della Cultura Italiana 2020+21 proseguono gli interventi di riqualificazione degli ambienti ipogei di Parma, i cosiddetti sotterranei di Piazza Garibaldi, nell’ambito del progetto “Parma Territorio d’Acque. Percorsi permanenti didattico culturali sul territorio parmense”. Effettuato il sopralluogo dell’Assessora alle Politiche di Sostenibilità Ambientale, Tiziana Benassi, con i tecnici incaricati, dove stanno procedendo gli interventi programmati: è confermata l’apertura al pubblico per l’estate. Il progetto, infatti, intende rendere sicuri e fruibili gli spazi che si trovano al disotto del palazzo Municipale, di origine medievale, collegati, poi, all’antico acquedotto Farnesiano che corre da piazza Garibaldi verso via Farini.

Gli spazi, una volta ristrutturati, saranno utilizzabili in sicurezza da parte del personale addetto alla manutenzioni dell’acquedotto. Ma l’obiettivo da raggiungere è quello di poterli aprire alla cittadinanza, prevedendo in programma visite turistiche ad hoc. Il percorso sotterraneo, da rendere fruibile al pubblico, corre dal municipio, percorre un tratto di piazza Garibaldi, per proseguire, poi, lungo via Farini, per una lunghezza di circa 200 metri, verso lo stradone. “Parma Territorio d’Acque” coinvolge 13 Comuni della Provincia, oltre a Parma, con lo scopo di creare un’infrastruttura turistica, culturale e didattica dedicata al tema dell’acqua, intesa come risorsa, e che ne metta in evidenza l’importanza. L’acqua come bene, quindi, non va sprecata ed il suo uso ottimizzato, anche in relazione alle produzioni agroalimentari ad essa connesse.

© riproduzione riservata