Al via il campionato del Parma Femminile; il capitano Fragni: “Un solo obiettivo, vincere”

L’ultima volta che il Parma femminile ha disputato una gara ufficiale di campionato era il 18 febbraio. E tra pochi giorni, il 18 ottobre, le ragazze crociate torneranno a giocare una gara valida per l’Eccellenza. Otto mesi fa il campionato si è fermato a causa della diffusione del Coronavirus e da allora le ragazze gialloblu hanno aspettato di poter tornare ad allenarsi e prepararsi per la nuova stagione, da dove oggi ripartono con nuovi, importanti, obiettivi.

Il capitano della squadra Debora Fragni, 28 anni e biologa ricercatrice, ci ha quindi spiegato gli scopi che la società si è posta per il prossimo anno. “Te li dico in tre parole: vincere il campionato”. Debora, che gioca su tutta la fascia sinistra ed è capitano da due stagioni, è infatti convinta che la squadra abbia moltissime possibilità di arrivare nei punti alti nella classifica per poter di nuovo giocare in Serie C. L’Eccellenza per la stagione 2020/2021, a causa dell’emergenza Covid-19, è stata divisa in due, Emilia e Romagna, e come afferma il capitano nel girone del Parma ci sono le squadre più ostiche, ovvero il Modena e le Biancorosse Piacenza. Questo però non scoraggia il gruppo, che il prossimo weekend affronterà in trasferta le Biancorosse Piacenza.

Debora Fragni, Parma-Alessandria (foto credits: Arnaldo Cavallotti)

Siamo un gruppo misto ma unito: la giocatrice più piccola ha 17 anni e la più grande ne ha 45;” spiega Debora, “anche se la maggior parte è appena maggiorenne”. La squadra quest’anno si è anche arricchita di nuove ragazze entrate in rosa, mentre altre hanno lasciato il gruppo per motivi di studio o lavoro. “Vogliamo crescere e migliorare, sia singolarmente che come squadra”, spiega Debora, che continua dicendo: “Siamo fortunate a fare parte della società Parma Calcio, un gruppo solido e affermato in Italia. Non per tutti c’è stata la possibilità di ripartire in sicurezza”.

Il capitano spiega infatti che prima di riprendere gli allenamenti, a settembre, tutte le calciatrici del Parma femminile sono state sottoposte al test sierologico e nel caso una fosse risultata positiva sarebbe scattato il tampone. “Seguiamo un protocollo rigido: autocertificazione da firmare ogni volta; mascherina fino all’allenamento e subito dopo; niente doccia in spogliatoio; arrivare già cambiate al campo”. Sono regole feree ma semplici da seguire, il giusto prezzo per poter giocare e farlo con il minor rischio possibile. Saranno infatti 14 le partite di campionato che dovrebbe finire a fine gennaio 2021. In seguito le prime tre squadre dei gironi “Emilia” e “Romagna” si affronteranno per un altro mini-campionato. Oltre a questo impegno l’Academy Parma è impegnata anche con la Coppa Emilia, per la quale ha già giocato una partita, vinta per 4 a 0.

Foto copertina: distanziamento sociale prima della prima partita di coppa Emilia il 4 ottobre con Sanmartinese.

© riproduzione riservata