Durante il ritiro di Pejo sono state gettate le basi del Parma Calcio Prima Squadra Femminile che si accinge a vivere per la prima volta l’esperienza della Serie A. In Val di Sole, le Crociate e lo staff hanno potuto lavorare serenamente divertendosi e cementando il gruppo, con gli allenamenti sul campo di Celledizzo, sempre in ottime condizioni grazie alla cura dei volontari Giuliano Corrias e Pierluigi Pedergnana. o con attività al di fuori del terrenno verde, tra cui il rafting sul fiume Noce con le esperte guide di Ursus Adventures e alla perfetta organizzazione di Michele Caserotti del Consorzio turistico Pejo 3000. 

Il Parma Femminile, che ha soggiornato all’Hotel Domina Parco dello Stelvio, si è sentito seguito e coccolato da gestori e personale, sempre attenti al minimo particolare e pronti a soddisfare ogni richiesta: per questo motivo la Team Manager Elisabetta Ferrari, a nome di tutto il gruppo, ha consegnato una maglia Crociata autografata da tutte le giocatrici al titolare Mariano Veneri, posando assieme a tutto lo staff dell’albergo per una foto di gruppo.

Le parole del Mister Ulderici

Dopo l’ultima seduta di allenamento sul campo del Centro Sportivo di Celledizzo, sabato 23 luglio 2022, Mister Fabio Ulderici ha commentato il ritiro in Val di Pejo del Parma Calcio Prima Squadra Femminile: “Sono in generale molto soddisfatto di questi giorni che abbiamo passato insieme, nei quali siamo riusciti ad intervallare le attività da campo ad altre extra campo che ci hanno permesso di fare gruppo e di conoscerci, dal momento che siamo una squadra completamente nuova; abbiamo messo anche le basi per dei concetti che vogliamo cercare di portare in campo durante la stagione. Faccio i complimenti alle ragazze per come si sono applicate. Questo è un punto di partenza: ora faremo qualche giorno di riposo per poi ripartire, più carichi che mai, a Collecchio per portare avanti il nostro percorso.

Tutte le ragazze le conoscevamo già tutte da prima perché abbiamo cognizione di tutto il panorama generale, però è anche vero che quando le alleni poi le conosci anche da altri punti di vista. Sono molto contento di questo perché siamo una squadra che ha delle qualità importanti che cercheremo di sviluppare durante l’anno. Siamo una squadra che è un mix di gioventù ed esperienza, con qualità tecnica e fisicità: come dico sempre le risceglierei tutte mille volte. Questa era la prima settimana ed è stata bellissima: ora dobbiamo pensare avanti e alla prossima che sarà altrettanto importante per il lavoro.

Le giocatrici di grande personalità che abbiamo sono un grande valore aggiunto, perché nei momenti importanti della partita o della stagione sono quelle che possono darci una grande mano: è chiaro, però, che poi è importante mettere la personalità a disposizione della squadra, ma io sono convinto che questo diventerà un grande gruppo, proprio anche sotto il profilo dell’aiutarsi tra di loro. Sono felicissimo e convinto che faremo molto bene.

In questi giorni a Pejo abbiamo svolto il lavoro che dovevamo fare, come è normale che sia ci può anche essere stato per qualcuna qualche problemino fisico, ma sono quelli soliti che capitano nei momenti del ritiro, però tutte situazioni molto gestibili e quindi siamo convinti di aver svolto un ottimo lavoro. Adesso ci saranno questi due giorni di riposo durante i quali le ragazze potranno anche andare a casa a trovare le famiglie, staccando un poco per poi ripartire con il nostro percorso di avvicinamento al campionato. Cercheremo di proporre ulteriori idee da sviluppare anche in vista della prima amichevole della settimana prossima: sono curioso di vedere le ragazze in campo, perché un conto è una partita interna come oggi giocando tra di noi, un altro quando affronti una squadra avversaria, contesto in cui ci sono altre dinamiche, altre sensazioni: non ne vediamo l’ora…

Il comprendere quanto sia importante il lavorare di gruppo, di squadra, all’interno di uno sport di squadra, appunto come il calcio, fa la differenza. Io penso che l’individuo sia determinante perché può mettere a disposizione il proprio talento per la squadra per cercare di fare qualcosa in più, però l’individuo senza squadra fa fatica, per cui io penso che sia veramente importante il gruppo e tutte le giocatrici che abbiamo a disposizione e questa dovrà essere la nostra prima regola: il gruppo viene prima di tutto e grazie al gruppo otterremo i risultati sportivi che dobbiamo raggiungere in questa stagione, nella quale cercheremo di fare il massimo e sono convinto che ci riusciremo”.

© riproduzione riservata